Diari

“Non possiamo ottenere qualcosa se per prima non diamo qualcosa, pretendere è sbagliato, mi spiego meglio. Quando sul posto di lavoro mostriamo le nostre qualità, offriamo un servizio adeguato. Dando dimostrazione di possedere competenza saremo inevitabilmente compensati. Ovviamente è necessario essere convinti delle proprie qualità ed essere capaci di darsi il giusto valore perché le persone ci valuteranno nella stessa maniera in cui noi ci valutiamo, né più e né meno…”

Quello che manca alla stragrande maggioranza delle persone è la capacità di abbandonarsi alle circostanze e al flusso della Vita nonostante gli eventi avversi, nonostante gli alti e bassi. So che è difficile farlo ma non è impossibile in una società dove la performance conta più dell’essere…

La compassione è uno dei sentimenti più nobili che si possano provare. Tu sei un tipo compassionevole o ti comporti da giudice? E le persone che incontri come si comportano con te? Scoprilo nella rubrica ‘Migliora la tua vita’, uno spazio dedicato allo sviluppo personale e al benessere per comprendere e comprendersi.

“Io credo che basti osservare la Natura per capire tanto della vita: molti animali accumulano tutto il necessario durante la primavera e l’estate per superare l’inverno. L’Orso e le formiche sono gli esempi più lampanti ma la cosa da notare è che per loro avviene tutto in modo naturale…”

La mia vita senza iPhone: questa esperienza sta per finire e mi sono disintossicata; quali sono stati i vantaggi e gli svantaggi nel trascorrere quindici giorni senza dispositivi mobili?

La mia vita senza iPhone, undicesimo e dodicesimo giorno. “Il mio attivismo, tuttavia, non credo dipenda dall’assenza dell’Innominato, piuttosto ritengo che questa esperienza, del tutto nuova per il mio cervello, abbia attivato delle energie psichiche…”

Quando mi sono messa i guanti da giardinaggio, stentavo a crederci. Mi guardavo e non mi riconoscevo. Poi avevo indossato anche gli stivali, sempre da giardino, acquistati in un negozio di bricolage l’anno scorso e la prima cosa che ho pensato: «Se mi vedesse mio padre!»…

La mia vita senza IPhone, nono giorno. “Mi sono sempre sentita una pacifista in guerra contro chi non vuole la pace! Quante volte vi siete arrabbiati per il commento inopportuno, in certe occasioni addirittura cattivo, di un amico di Facebook o di un follower?”

Seconda settimana. ” Fino a un anno fa avevo la mania del controllo. Prima di fare qualsiasi cosa, compresa una semplice trasferta in una località anche vicina, dovevo curare tutto nei minimi dettagli e avere il navigatore dell’iPhone con me, sempre….”

Ieri sera ho risentito l’odore della danza (il profumo della lacca con i brillantini soprattutto) e ammirato le tante sfumature dei favolosi costumi. Ho rivissuto momenti indimenticabili…

Quarto Giorno. Vi racconto di me, di quando i sogni diventavano desideri e i desideri realtà. Di quando tutto sapeva di buono, ogni cosa profumava di vaniglia, fragola e cioccolato, di quando nei mari abitava Poseidone e Ulisse viaggiava verso Itaca…

“Prima di parlarvi dello squillo devo fare una confessione. Ieri sera è tornato l’Innominato e alla fine ho ceduto. Ho dato una fugace sbirciatina, ma solo per vedere se era stato aggiustato bene…”

La differenza nella Vita la fa sempre e solo la Fede. Analizzando questa parole e le sue quattro lettere ti spiego perché! Così come quando si ricerca un tesoro è importante avere con sé la mappa e la giusta attrezzatura, ugualmente è necessario avere con sé gli strumenti adatti…

“Avete presente le telenovelas che arrivarono in Italia tra gli anni Ottanta e Novanta? Ebbene, ricordo che quando perdevo una puntata percepivo un senso di estraneità che si concentrava alla bocca dello stomaco! Ero preoccupata di…”

Ero distratta. Forse troppo. Lui, il mio iPhone, è caduto per terra da un’altezza indefinita ma comunque elevata, mentre prendevo la posta (non elettronica, ahimè si usa ancora) dalla cassetta del mio studio. Il vetro si è frantumato, letteralmente, ed io non ho battuto ciglio…

Oggi Barbara Jodice illustra in pregiate edizioni d’arte non solo capolavori di musei, racconta di eleganze, moda, artigianato. A Benevento fotografò utilizzando la luce naturale, costruì un paesaggio dove entrano in scena speroni di cavalieri, accette di guerrieri e scudi rotondi…