Top Gun - Maverick recensione
Non solo Cinema,  Recensioni film

Top Gun – Maverick: che sballo Tom Cruise!

Top Gun – Maverick: recensione del film

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

Con Top Gun – Maverick, Tom Cruise non compie un’operazione nostalgia perché il sequel del film cult del 1986 appassiona e coinvolge in modo originale per energia e pathos. Il rischio che il sentimento che condusse Ulisse ad Itaca potesse appiattire la pellicola è stato per fortuna scongiurato. Certo, si intravede un pizzico di nostalgia quando Pete abbraccia Iceman (Val Kilmer) o quando vola con Rooster (Miles Teller), figlio di Goose, su un vecchio aereo degli anni Ottanta ma il film brilla di una luce tutta sua.

La pellicola crea spettacolo eppure non è la performance né una competizione sorda e fine a se stessa l’asse portante di questo sequel che mette l’essere umano, uomo e donna, al centro di una sceneggiatura ben scritta. I personaggi, anche quelli secondari, sono ben delineati, la musica come nel prequel è accattivante e rende questo prodotto riconoscibile e quindi riconducibile al primo Top Gun.

L’evoluzione di Maverick…

Pete Mitchell, detto Maverick, è cresciuto, ha acquisito di maturità senza perdere la sua fierezza, è più consapevole dei propri mezzi e tuttavia continua a seguire la strada che per lui ha un cuore sia nel privato che in volo. Avrebbe potuto godere delle onorificenze con promozioni e laudi compensi dietro a una scrivania ma lui ha nel sangue il volo. Volare è la sua vocazione, il suo istinto primordiale.

Forte del suo grande coraggio, della sua spinta alla vita, del suo altruismo, di una saggezza acquisita con gli anni, Pete affronta adesso una nuova sfida con grande dedizione: è chiamato a preparare i migliori piloti della marina per una missione impossibile che farebbe impallidire anche Ethan Hunt.

La macchina da presa di Joseph Kosinski si muove agile e non nevrotica tra cielo e terra, in territori indefiniti, tra montagne accidentate e acque profonde. Mentre Tom Cruise con i suoi inconfondibili Ray Ban e a bordo della sua altrettanto inconfondibile motocicletta cerca e trova brio e libertà anche nell’amore per la sua ex fiamma Penny (Jennifer Connelly).

Top Gun - Maverick recensione

Top Gun – Maverick è insomma un piccolo gioiello che mette l’uomo o meglio l’essere umano (la pellicola ha un certo approccio inclusivo) e non le macchine in primo piano, proprio come nel primo film e in altre pellicole sullo sport, quali per esempio Rush.

Il sequel di Top Gun ci dice, inoltre, mediante un nemico indefinito e invisibile, che i veri avversari dell’America sono quelli interni, ovvero che i veri fantasmi non vanno ricercati all’esterno bensì in uno spazio interno e psichico in cui l’Io collettivo può ritrovare il suo Sé attraverso azioni eroiche individuali. Il lungometraggio ha dunque una certa profondità e larghezza di pensiero perché ci induce a riflettere tra le righe sulla nostra contemporaneità con intelligenza e perspicacia. Da vedere! La recensione di Top Gun – Maverick è di Maria Ianniciello

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Commenta