Non solo Cinema,  Recensioni film

3/19: recensione del film di Silvio Soldini

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

Silvio Soldini con la macchina da presa entra nelle vite dei suoi personaggi che vengono redenti da un incontro o anche da un evento che li smuove rendendoli meno rigidi, più consapevoli, più inclini ad assecondare il flusso della vita che spesso ingabbiata in vicissitudini del passato. Come nel caso di Camilla (Kasia Smutniak), l’avvocatessa del film 3/19 che affronta il dramma dell’immigrazione in una Milano troppo operosa. Ed è proprio il lavoro che scandisce la quotidianità di Camilla, la quale ha una figlia ventenne con la quale ha perso ogni contatto.

Le relazioni di Camilla sono vuote, sterili e fredde come il suo appartamento. Lo sguardo è triste, apatico, corrucciato. Il lavoro è solo un antidoto, neanche troppo efficace, al dolore della perdita che l’affligge da quando era poco più che adolescente. Ma una sera, mentre sta camminando convulsamente sotto la pioggia, attraversa la strada col rosso e un motorino la investe. Lei si rompe un braccio, il motociclista fugge mentre l’altro passeggero del veicolo muore nell’indifferenza generale. Il malcapitato non ha documenti perché è un immigrato irregolare, quindi riconoscerlo è impossibile. Questo fatto sconvolge Camilla a tal punto che comincia ad indagare per ridare al ragazzo deceduto un’identità. E, mentre cerca di capire, la sua esistenza prende una piega diversa. Conosce Bruno (Francesco Colella) e… mi fermo qui per non rivelare troppo.

3/19 è un lungometraggio dal ritmo lento, dalle atmosfere calme, non è un film dirompente eppure riesce a toccare il cuore perché affronta con semplicità e anche con una certa circospezione il tema dell’immigrazione. A volte dimentichiamo che ogni immigrato porta con sé un vissuto e una storia sicuramente tragica perché è sempre difficile lasciare la propria terra per cercare una presunta salvezza in un posto ignoto tra gente sconosciuta che potrebbe essere anche ostile.

3/19 è uscito nel novembre del 2021 nelle sale cinematografiche italiane. La sceneggiatura è di Doriana Leondeff, Davide Lantieri e Silvio Soldini. La recensione è stata scritta da Maria Ianniciello

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Commenta