Non solo Cinema,  Recensioni di serie tv

Frammenti di lei, una serie tv al femminile

Frammenti di lei: recensione della serie tv

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

La serie tv di Netflix Frammenti di lei è un percorso ad ostacoli nelle verità nascoste, nelle identità celate, nell’amara consapevolezza di essere dannatamente soli in un mondo che si fa sempre più individualista ed ostile. E sempre più spesso, per capire per davvero chi siamo e dove vogliamo andare, abbiamo bisogno di superare prove che ci rendono coraggiosi nel mostrare il nostro lato più autentico. A salvarci dal baratro, secondo gli ideatori di Frammenti di lei, potrebbero essere i legami forti e viscerali come quello tra una madre e una figlia.

Frammenti di lei recensione

Fino a dove può spingersi una madre per salvare la figlia?

Basata sul romanzo di Karin Slaughter, questa crime story seriale sorprende e spiazza. Sorprende perché i nodi verranno al pettine solo alla fine. Spiazza perché lo stile è molto variegato; si passa infatti dai toni del thriller alle atmosfere del dramma sentimentale e familiare addirittura nello stesso episodio.

E allora fino a dove può spingersi una madre per salvare la figlia? E’ questa una delle domande che si pone l’ideatrice della serie di Netflix, Charlotte Stoudt. Ma l’autrice va anche oltre questo quesito, perché tra le righe la serie entra nelle dinamiche del neoliberismo e del capitalismo, raccontando in maniera velata anche gli intrichi e i giochi di potere delle case farmaceutiche, alle quali un gruppo di anarchici americani si oppone con la violenza e la forza.

Trama e considerazioni finali

Laura Oliver (Toni Colette) è una fisioterapista molto stimata che ha una figlia ormai ventenne di nome Andy (Bella Heathcote) che lavora per il 911. Un giorno madre e figlia si ritrovano in un ristorante dove di lì a poco un uomo armato metterà a rischio la vita di tutti i presenti. Laura riesce a fermarlo scatenando la reazione incredula soprattutto dei media. Come ci è riuscita? Laura non è chi dice di essere e Andy si accorge che sua madre le ha raccontato una marea di bugie.

Frammenti di lei, con i suoi otto episodi, riesce a mantenere alta l’attenzione degli spettatori, abbassando ed alzando il livello di suspense non senza alcuni istanti di commozione. Ci sono alcuni elementi inverosimili e irrealisti che rendono la sceneggiatura non impeccabile ma nel complesso la serie convince. La chicca è la scena finale. Il mare qui è liberatorio e catartico, perché è simbolo di apertura. Al tempo stesso, tuttavia, le onde sono anche rappresentative dell’inconscio della protagonista che dovrà affrontare sicuramente i propri demoni per rinascere davvero e scoprire chi è oggi. La recensione è stata scritta da Maria Ianniciello

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Commenta