Libri: recensioni & interviste

Eroine: il libro di Marina Pierri, recensione

Eroine (edizioni Tlon) è un libro che ti prende pagina dopo pagina. La critica televisiva Marina Pierri in questo volume, con prefazione di Maura Gangitano, crea un percorso molto insolito: esamina in una chiave di lettura psicoanalitica i personaggi femminili delle serie tv, che sono viste non solo come mera forma di intrattenimento ma soprattutto nell’ottica di un coinvolgimento emotivo forte, spiazzante, vibrante, a tratti disturbante.

Il linguaggio seriale, se non ha la finalità di annichilire le coscienze, è infatti espressione profonda dello spirito del nostro tempo e ci insegna molto più di quanto pensiamo.

Eroine di Marina Pierri: recensione

In Eroine. Come i personaggi delle serie TV possono aiutarci a fiorire Marina Pierri, facendo riferimento alla psicologia del profondo di Carl Gustav Jung e alla teoria degli archetipi, mira a risvegliare l’eroina che dorme nel cuore di ogni donna. E quindi l’autrice esamina con sguardo lucido e brillante i personaggi femminili di note serie tv quali per esempio Kimmy Schmidtdi Unbreakable Kimmy Schmidt, Patrizia Santoro di Gomorra, Alex Levy di The Morning Show, Ruth Wilder di Glow, Jane Villanueva di Jane the Virgin, Nadia Vulvokov di Russian Doll, Raffaella Cerullo de L’amica geniale… Issa Dee di Insecure, Kim Laghari di Special e Rue Bennet di Euphoria.

eroine marina pierri
Nella foto Marina Pierri

Per ogni archetipo scelto c’è sia il lato guida che il lato ombra in un itinerario volto alla conoscenza di sé che dall’archetipo dell’Innocente passa per l’Orfana, la Guerriera, l’Angelo Custode, la Cercatrice, la Distruttrice, l’Amante, la Creatrice, la Sovrana fino ad arrivare alla Maga, alla Saggia e alla Folle.

Scriva Marina Pierri a proposito degli archetipi: “(…) Secondo Jung, l’inconscio collettivo è l’insieme dei «contenuti psichici» dell’essere umano nei secoli: è sterminato, ineffabile e terrificante. È appunto la “sede” degli archetipi «che possono divenire consci solo in un secondo momento e danno una forma determinata a certi contenuti psichici». Gli archetipi sono la sola maniera a nostra disposi-zione per fare esperienza dell’inconscio collettivo: sono contenuti invariabili dell’inconscio che cambiano aspetto di volta in volta e arrivano al singolo sotto forma di immagini – fatto assai rilevante ai nostri fini – che lo psicologo svizzero chiama “simboli”. Gli archetipi, però, sono scatole cinesi. (…) In circostanze differenti della vita, la persona viene attratta da archetipi diversi che si presentano o si sono presentati come simboli; questi vengono rielaborati a seconda della sua realtà e sono capaci di informare profondamente il vissuto a livello sia psichico che empirico. Come dire che l’archetipo non esiste solo nel cloud dell’inconscio collettivo, ma agisce dentro di noi con conseguenze a volte molto reali (…)”.

Un libro unico per il tema trattato

Eroine di Marina Pierri è un libro unico per il tema trattato ma non semplice. Il volume, che fa riferimento al femminismo intersezionale, pur avendo un carattere divulgativo, presuppone una conoscenza, anche minima, delle serie tv menzionate e soprattutto della teoria degli archetipi.

Se siete a digiuno di serie tv ma volete accostarvi all’argomento e intraprendere un percorso di conoscenza, vi consiglio di leggere il libro e guardare le serie consigliate contemporaneamente. Senza fretta. Prendetevi il tempo, perché questo testo merita davvero! (di Maria Ianniciello)

close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Commenta

shares