culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Libri: recensioni & interviste

Silvia Goggi: ecco come la mia famiglia mangia green. Recensione del libro

Prima di soffermarmi sul libro di Silvia Goggi, La mia famiglia mangia green (Sonda), voglio raccontarvi degli aneddoti personali e mi perdoni il lettore se questa volta lo faccio entrare in una dimensione privata, peccando di poca professionalità. Ma c’è un motivo! Infatti, il testo della dottoressa Goggi è pratico e, per poter scrivere una recensione eticamente corretta, occorra che io non solo lo abbia letto ma abbia anche messo in pratica i suggerimenti che la Gocci dà. Dunque seguitemi con pazienza in questo percorso.

La mia esperienza personale…

E’ dal 2011 che seguo uno stile di vita relativamente sano, puntando su un’alimentazione equilibrata e salutare. Io e la mia famiglia siamo onnivori ma sulla nostra tavola non mancano mai legumi, verdure, cereali, frutta fresca e secca, semi oleosi e tutti quegli alimenti ritenuti salutari. Mio figlio non conosce merendine, biscotti industriali, né bevande zuccherate che ho abolito da tempo. La mia è stata una scelta motivata da situazioni di salute: soffrivo di gastrite e, avendo capito che l’alimentazione aveva una certa responsabilità, ho rivisto le mie scelte.

Sono molto curiosa in fatto di nutrizione ma per indole mi affido sempre a professionisti perché temo i danni che possono fare alla nostra salute i ciarlatani e gli improvvisati. Su culturaeculture.it abbiamo pubblicato diversi articoli anche sulla dieta vegana che ultimamente sta attirando la mia attenzione.

Ho spulciato dunque, tra gli scaffali delle librerie, libri di professionisti dell’alimentazione e il mio occhio è andato su ‘La mia famiglia mangia green’ della dottoressa Silvia Goggi. Ho cercato subito delle informazioni in rete sulla dottoressa e sono approdata sul suo sito dove ho trovato il curriculum.

E’ di estrema importanza, quando si acquista un libro di salute e benessere (e non solo), informarsi sull’autore per capire se ciò che dice ha una certa validità.

Silvia Goggi

Chi è Silvia Goggi?

Silvia Goggi è Medico chirurgo ed è specializzata in Scienze dell’Alimentazione. Ha redatto, con Luciana Baroni e Maurizio Battino, le linee guida per la pianificazione di diete a base vegetale nell’adulto e nel bambino, nella donna in gravidanza e in allattamento che sono state pubblicate sulla rivista Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics’. Queste linee guida oggi sono un punto di riferimento per la comunità scientifica. Lavora a Milano in Humanitas San Pio X, dove è stato aperto il primo ambulatorio per mamme e bambini che seguono un’alimentazione vegetariana. Partecipa a congressi scientifici in Italia e all’estero.

Il libro di Silvia Goggi La mia famiglia mangia green. Recensione

Ne La mia famiglia mangia green la dottoressa Silvia Goggi sfata quasi tutti i miti sull’alimentazione vegana. Miti portati avanti dalla Televisione e dal business della pubblicità.

Come può una trasmissione televisiva, che viene finanziata anche da aziende che producono merendine, essere obiettiva? E come può un magazine, che ospita pubblicità di prodotti caseari e insaccati, dirvi che certi cibi andrebbero evitati o quanto meno ridotti? Riflettiamoci quando prendiamo per oro colato ciò che dicono gli organi di informazione.

Anche nell’ambito dell’alimentazione vegana c’è un certo business che con la salute c’entra pochissimo ma la dottoressa Goggi nel suo libro ci conduce in una realtà fatta di ricerche scientifiche e studi che poco vengono divulgati da chi ha audience.

Un libro con ricette per bambini e adulti

Silvia Goggi scrive di alimentazione infantile e adolescenziale con ricette che possono nutrire anche gli adulti. Il libro è suddiviso in due parti: la prima ha un carattere informativo e divulgativo, mentre la seconda è molto pratica, con menù settimanali redatti in base all’età, dallo svezzamento sino all’adolescenza, e ricette.

«Cosa sono i nutrienti? Sono la ragione ultima per cui dobbiamo mangiare. Al nostro organismo non serve solo energia: per soddisfare il fabbisogno calorico potrebbe essere sufficiente ingurgitare un barattolo di maionese al giorno. Avremo certamente introdotto energia, ma ci mancherebbero tutti gli ingredienti per funzionare al meglio».

Gli smart food

Gli ingredienti sono i carboidrati che sono il nostro carburante; i grassi (i migliori sono quelli insaturi), le proteine, le vitamine, i minerali, gli oligoelementi e le fibre. La dottoressa scrive anche degli antiossidanti e delle sostanze fitochimiche protettive. Ci spiega poi perché un regime alimentare vegano faccia bene alla salute. Lo fa riferendosi ad evidenze scientifiche che difficilmente vengono menzionate dai Media che non perdono occasione per screditare chi opta per un’alimentazione vegetariana.

«Da anni l’Istituto Europeo di oncologia (IEO) di Milano promuove il progetto Smart Food che ha come obiettivo tra le altre cose, quello di diffondere nella popolazione la conoscenza degli alimenti ‘smart’ in grado di prevenire e combattere le temibili patologie cronico-degenerative, tra cui anche il cancro, grazie al contenuto di antiossidanti e di sostanze fitochimiche protettive. Cosa accomuna tutti, ma proprio tutti gli ‘smart’ food? Appartengono al regno vegetale».

Trovi il libro ‘La mia famiglia mangia green’ qui

La dieta migliore, insomma, secondo la dottoressa Goggi, è quella green che tra l’altro, afferma l’autrice, fa bene anche al pianeta. E nel libro troverete consigli (che io sto testando per ridurre le proteine animali) ed informazioni anche su come creare una dispensa green per cominciare un percorso sicuramente stimolante ma mai obbligatorio. Da leggere, almeno per conoscere! Vi allego una video-intervista a Silvia Goggi. (Maria Ianniciello)

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Leave a Reply

shares