Salute e Stili di Vita

Il cervello si mantiene giovane con la creatività e gli stimoli nuovi: ecco perché

Mantenere il cervello giovane e in buona salute è possibile attraverso tre vie che, se percosse in sinergia, ci aiutano a stare bene: il movimento, l’alimentazione e la creatività. A dir il vero ce n’è anche un’altra ed è quella della meditazione.

Nel mio primo articolo dedicato al cervello mi sono soffermata sull’importanza del movimento, mentre Angela Pugliese, biologa-nutrizionista, ci ha illustrato in un altro pezzo quali sono i cibi che aiutano questo importante organo a preservare lo stato di salute neuronale.

Per mantenere il cervello giovane è indispensabile fare attenzione non soltanto alle sostanze che ingeriamo sotto forma di alimenti e bevande, facendo al contempo una sana attività fisica, ma anche a tutto ciò che entra nel nostro sangue per altre vie diventando parte di noi.

La gente che frequentiamo, il nostro lavoro, i pensieri, le emozioni diventano corpo… il nostro corpo.

Una delle emozioni che, se non ben incanalata, può distruggere le nostre cellule neuronali è la paura.  Sia inteso, ogni emozione ha il diritto di esistere e ha uno specifico significato nella nostra vita.

Per esempio una mamma consapevole sa che il proprio bambino, gattonando, potrebbe farsi male tuttavia non si fa gestire dalla paura; è vigile ma non spaventata.

In questo modo guida il figlio nell’esplorazione di nuovi territori affinché il piccolo possa introiettare dentro di sé una figura materna sana che non lo intralci nel processo di sperimentazione e conoscenza. Il piccolo deve essere libero di muoversi e di esplorare usando i suoi cinque sensi, in primis il tatto.

La paura ad ogni modo è un’emozione primordiale che ha il suo specifico ruolo e significato, perciò rinnegarla o farsi travolgere da essa è la medesima faccia della stessa medaglia: fa male al cervello. Usarla a nostro vantaggio è invece salutare.

cervello giovane creatività
© Guido Vrola – Fotolia.com

Cosa c’entra la paura con la creatività? Questa emozione ancestrale (ripeto se non incanalata) annebbia la mente facendoci percorrere sempre le stesse strade e, mentre le nostre gambe fanno gli stessi percorsi e la nostra bocca dice le stesse parole per mesi e anni, le sinapsi (le autostrade cerebrali che collegano un nerucone con un altro) sono sempre le stesse. Non se ne creano altre se non facciamo nuove esperienze. Il cervello così è destinato ad invecchiare e anche precocemente.

Faccio qualche esempio. Un neonato ha una sola paura: quella di essere abbandonato. Se conoscesse altre paure, il suo cervello resterebbe ad uno stato infantile. L’apparato cerebrale comincia a svilupparsi dalla terza settimana di gestazione ma al momento della nascita il peso del cervello è solo un quarto di quello adulto.

Nei primi tre anni – si legge nel manuale Il cervello facile è il segreto della salute (edizioni Riza) – cresce moltissimo producendo migliaia di miliardi di connessioni tra i neuroni. In seguito i circuiti cerebrali inutilizzati vengono eliminati per velocizzare e memorizzare meglio i collegamenti sinaptici che permettono al bambino di apprendere nuove nozioni e azioni.

Sempre nel libro appena menzionato, si legge inoltre che ad aiutare lo sviluppo cerebrale del bambino non è l’esecuzione di compiti sempre più difficili ma semplicemente il contatto umano e le cure, in particolare materne.

Inoltre per il bambino è importante ascoltare il linguaggio e recepire gli stimoli sensoriali dell’ambiente. E per noi adulti? Vale la stessa cosa. I geni determinano solo le basi del patrimonio cerebrale che poi si sviluppa per tutta la vita tramite le esperienze.

Ho creato un percorso di aromaterapia che consiste in dieci incontri. Cinque di questi sono tutti dedicati al talento.

Sono partita da un unico presupposto per ideare il mio percorso: il cervello non è una macchina, è molto di più. Le macchine si usurano, il cervello al contrario cresce di continuo perché più lo stimoli e più si sviluppa. E’ plastico.

E allora ecco l’elenco delle cose che più danneggiano questo organo.

La ripetitività e gli automatismi

Il nozionismo

La sindrome del Bianconiglio. Ne parlo qui: https://www.youtube.com/watch?v=VWyAN7qz1cQ

L’ipercontrollo

Il multitasking

Cosa rafforza il cervello?

Le novità

Le passioni e la creatività

Le azioni minime e consapevoli

L’immaginazione

Sempre nel libro Il cervello facile è il segreto della salute si afferma infatti che è soprattutto il pensiero creativo a stimolare le nostre capacità mentali e ci consente di rispondere in maniera originale ed efficace alla complessità degli eventi che dobbiamo affrontare nel corso della nostra vita e ai problemi di tutti i giorni tenendo lontani disturbi come ansia, panico e sovrappeso.

A forza di guardare le cose sempre dalla stessa angolazione queste diventano mute, trasparenti ed insignificanti…e tutto diventa dannatamente complicato per noi.

La creatività apre nuovi canali a patto che non affianacata dalla performance. E allora cosa ci fa bene? Creare per il solo atto di creare uscendo dalle logiche del consumismo e delle mode. Provare per credere. (articolo di Maria Ianniciello, naturopata ad indirizzo psicosomatico e giornalista)

Per approfondire

Le Piccole Cose che Cambiano la Vita
Essere presenti alla azioni più semplici rigenera la mente e il cervello
Voto medio su 3 recensioni: Da non perdere
€ 11,00

close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Commenta

shares