Di tutto un po'

Torta di carote e mele grattugiate senza zucchero: ricetta

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

Oggi voglio condividere con voi la ricetta di un dolce che ho provato per la prima volta qualche settimana fa in occasione di un pranzo con amici, e che mi ha stupito per il gusto e per la freschezza del suo sapore aromatico e insolito. Non si tratta di un dolce classico, forse proprio per questo l’ho scelto, e rispetto ala ricetta originale ho apportato piccole variazioni negli ingredienti per abbassare un po’ il tenore di zuccheri e migliorare la qualità nutrizionale del prodotto finale. La torta di carote e mele grattugiate senza zucchero che oggi vi propongo  può essere definita un “dolce non dolce”, o almeno non troppo, che in compenso però ha molte fibre, un equilibrio tra i macronutrienti (carboidrati, proteine, grassi) tale da non creare forti picchi glicemici e quella dolcezza naturale della frutta e della cannella che appaga ma non appesantisce. Può essere un’ottima alternativa per una colazione bilanciata in abbinamento ad una tazza di tè verde o di tisana (magari alla cannella per rimanere in sintonia di sapori) senza zucchero, oppure può essere gustata a merenda coinvolgendo magari anche i bambini, oppure, come nel mio caso, può essere proposta per un dessert di fine pasto che con il suo sapore delicato, fresco e aromatico da quasi l’impressione di pulire e rinfrescare la bocca. Attenzione però: è pur sempre un dolce, anche se senza zucchero, quindi, soprattutto se consumato dopo un pasto occhio alle quantità.

Non è un caso se ve la propongo proprio nel periodo Natalizio: già dal momento della preparazione e poi durante la cottura si sprigionerà nell’aria un delicato mix di profumi, che si riconfermano poi al primo morso: l’arancia, unita alla cannella con la dolcezza del miele, cos’altro ricordano se non proprio i sapori tipici del Natale?! E allora: se per queste feste volete stupire i vostri ospiti con un dessert fuori dai canoni, sicuramente lontano dalla tradizione, ma vicinissimo nei sapori provate questa torta e non ve ne pentirete! Vi riporto quindi la ricetta della torta di carote e mele grattugiate senza zucchero, così che potrete provarla e lasciarvi impressionare, proprio come è successo a me!

Torta di carote e mele grattugiate senza zucchero: ricetta

Torta di carote e mele grattugiate senza zucchero: ricetta

Ingredienti

70g di olio di semi

180g di farina integrale

300g di carote (pelate e a pezzi di 2-3 cm)

200g di mele (sbucciate a pezzi di 2-3 cm)

50-60g di miele, o stessa quantità di stevia (o di maltilolo)

3 uova

2 cucchiaini di lievito per dolci

1-2 cucchiaini di cannella in polvere

½ – 1 cucchiaino di noce moscata in polvere

(per il frosting all’arancia)

1 arancia (preferibilmente biologica, la scorza)

250g di formaggio fresco spalmabile

20g di miele (o stessa quantità di sciroppo d’agave)

 

Torta di carote e mele grattugiate senza zucchero: procedimento

Tritate in un mixer (o grattugiare finemente) le carote e le mele e porle da parte in un colino, così da lasciarle scolare. Unire e frullare insieme l’olio, e il miele, poi aggiungere le uova, la farina, il lievito, la cannella e la noce moscata. Frullare il tutto fin quando l’impasto non risulterà omogeneo, poi aggiungere le mele e le carote grattugiate e amalgamare. Traferire l’impasto in una teglia quadrata (20×20) precedentemente imburrata, e cuocere in forno preriscaldato, per circa 1 ora a 150°.

Nel frattempo preparare il frosting: in un mixer tritare la buccia dell’arancia, quindi aggiungere il miele e il formaggio fresco e mescolare fino ad ottenere una crema morbida e compatta. Una volta che la torta sarà cotta, lasciarla leggermente intiepidire, quindi stendervi sopra il frosting all’arancia e servire. (ricetta dott.ssa Angela Pugliese, biologa nutrizionista)

 

 

 

Commenti

commenti

Biologa Nutrizionista laureata in Scienze Biologiche e specialista in nutrizione umana: mi occupo di corretta alimentazione, promozione del benessere psico-fisico, sia in condizioni fisiologiche che patologiche, e di educazione alimentare. La mia mission: trasmettere e insegnare la consapevolezza del mangiar sano come prerogativa di salute... il dimagrimento sarà solo un piacevole effetto.

Commenta