Non solo Cinema

Il testimone invisibile: trama e recensione del film con Scamarcio, Leone, Paiato, Bentivoglio…

Ricordo che a dieci anni guardavo L’ispettore Derrick con i miei genitori e, ogni volta, si faceva a gara per capire chi fosse l’assassino. La serie cult prendeva la mia attenzione tutte le settimane. Con il tempo questo genere è scomparso dalla mia vita ed è stato sostituito da altri più in linea con la mia natura. O almeno così pensavo. Di tanto in tanto i gialli sono ricomparsi sotto forma di film prendendo la mia attenzione e facendo rivivere quella bambina di alcuni anni fa. Mi è successa la stessa cosa con Il testimone invisibile. Infatti, come allora, anche questa volta, sono riuscita ad individuare il bandolo della matassa in anticipo.

Il testimone invisibile trama film recensione

Sì, perché Il testimone invisibile è come una sorta di rompi capo… è un film classico-moderno; di classico ha l’intreccio e la capacità di coinvolgere lo spettatore sin dalla prima sequenza, quando la macchina da presa di Stefano Mordini ci porta subito sulla scena del crimine: l’imprenditore Adriano Doria (Riccardo Scamarcio che ritorna sul set di Mordini a distanza di due anni da Pericle il nero) si sveglia confuso e ferito in una stanza di un albergo di montagna. Si accorge che la sua amante è stata uccisa da qualcuno che si è intrufolato di nascosto nella camera. E qui vi consiglio di non distrarvi nemmeno per un istante. Scopriamo, poi, che Doria è stato accusato di omicidio e che il suo legale lo ha affidato alla famosa penalista Virginia Ferrara, interpretata da Maria Paiato, al quale l’imprenditore deve spiegare come sono andati i fatti. Comincia così il racconto a ritroso dell’illustre uomo d’affari che piano piano si vede costretto a rivelare tutta la verità lasciandoci più volte basiti.

Il testimone invisibile è, dunque, un film ad incastri, fatto di puzzle che devono essere messi al posto giusto ma per riuscirci bisogna fare attenzione all’espressività e al linguaggio del corpo dei personaggi oltre che ai dettagli. Il film strizza l’occhio al miglior giallo/thriller americano, sulla falsariga (solo per quanto riguarda la scelta dei luoghi e l’atmosfera sinistra) di Animali Notturni, e rientra in un genere che si sta evolvendo in Italia come ci dimostra La ragazza nella nebbia, ambientato in territori montuosi ed impervi.

Il consiglio in più. La Ferrara, con la frase “Dettagli signor Doria, dettagli”, si rivolge anche allo spettatore. Nel guardare questo film prestate attenzione ai particolari, mi raccomando.

Ne Il testimone invisibile il regista compie la stessa operazione. Sceglie località che rispecchiano non solo l’evolversi della storia e i suoi lati oscuri ma anche lo stato d’animo dei personaggi principali. Panorami cupi, grigi, isolati che si contrappongono agli scorgi della Milano bene, la città simbolo degli anni di Tangentopoli, quando la giustizia sembrava fare il suo corso (l’amante di Doria è interpretata da Miriam Leone che guarda caso impersona la soubrette e arrampicatrice Veronica Castello nella serie 1992, dedicata proprio a Tangentopoli). Nel film invece un testimone invisibile forse vuole farsi giustizia da solo… in una società dove – come dice la Ferrara – “i ricchi vogliono rimanere sempre ricchi”. (di Maria Ianniciello, seguimi su Instagram maria.ianniciello)

close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Commenta

shares