culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Di tutto un po'

Calamari ripieni con salsa di limone, erbette aromatiche e pochissimo sale: ricetta

Oggi vi propongo una ricetta che ho realizzato il giorno della vigilia di Natale. Si tratta dei calamari ripieni in salsa di limone con erbette aromatiche e pochissimo sale.

Ricetta calamari ripieni in salsa di limone con erbette aromatiche e pochissimo sale

Ingredienti

5 calamari grandi

2 cucchiai di olio evo

2 cucchiai di pan grattato

1 cucchiaio di parmigiano reggiano dopo Prezzemolo

Rosmarino

Pepe nero

Aglio

Il succo di un limone biologico

Scorza del limone bio

1 bicchiere di acqua

1 pizzico di sale preferibilmente integrale

@Maria Ianniciello

Procedimento

Pulite e sciacquate e sotto acqua corrente quattro calamari. QUI trovate il video che vi spiega come fare: Tostate il pangrattato in una padella leggermente oleata e già riscaldata. Tagliate i tentacoli. In un mixer aggiungete i tentacoli tagliati, il parmigiano reggiano, il pangrattato tostato, un cucchiaio di olio evo, metà del prezzemolo, un pizzico di sale (preferibilmente integrale) e tritate il tutto. Il composto deve risultate asciutto. Riempite quattro calamari con il composto ottenuto e chiudeteli con uno stuzzica dente. Potete cucinarli a vapore o in forno per venti minuti. Nel frattempo tagliate il quinto calamaro ad anelli. In una padella fate riscaldare l’olio rimasto e fate soffriggere un po’ l’aglio senza raggiungere il punto di fumo. Mettete il calamaro tagliato ad anello. Fate rosolare per qualche minuto. Aggiungete l’acqua, il succo di limone e il rosmarino. Complete la cottura per cinque minuti, fino a quando il calamaro tagliato ad anelli non risulta cotto. Se necessario aggiungete altra acqua. Completata la cottura trasferite i calamari in un piatto da portata e cospargete sui calamari la salsina ottenuta. Decorate con il pepe nero, con il prezzemolo e con la scorza del limone dal quale avete estratto il succo. Buon appetito.

Le proprietà del calamaro

Il calamaro è un mollusco che si trova nel Mar Mediterraneo e in alcune zone dell’Atlantico. E` ricco di sali minerali, quali fosforo, potassio, sodio e calcio. Contiene la vitamina PP e Vitamina A.        Ovviamente è fonte di proteine dall’alto valore biologico ed è povero di grassi, anche il colesterolo è contenuto.

Leggi l’articolo della nutrizionista sulle erbe aromatiche

Ecco perché questa ricetta fa bene

Io uso poco sale, soprattutto nel pesce. Vi abbiamo già spiegato i motivi per cui il sale debba essere ridotto in questo articolo che trovate: Cucina, scegli il sale marino integrale: ecco perché. Inoltre il calamaro ha poche calorie e come già accennato in precedenza pochi grassi. Il soffritto è leggero. Mi raccomando, cercate un pescivendolo di fiducia e prestate attenzione agli ingredienti. (ricetta di Maria Ianniciello, naturopata e giornalista pubblicista. Seguimi su Instagram)

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares