culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Libri: recensioni & interviste

In ‘Nessuno sa di noi’ di Simona Sparaco il dramma dell’aborto terapeutico

Se qualcuno ci chiedesse di decidere tra la vita e la morte, sceglieremmo sempre la vita perché siamo biologicamente programmati a farlo. Ma se qualcuno ci chiedesse di scegliere tra una vita di sofferenza e la morte, la risposta potrebbe essere differente dalla prima perché il nostro cervello vuole evitare in primis il dolore. Talvolta però il dispiacere che crea una perdita diventa insopportabile tanto da indurci ad optare per una sorta di accanimento terapeutico pur di avere un nostro caro con noi! Nessuno sa di noi (Giunti) di Simona Sparaco pone, leggendolo, questi ed altri interrogativi.

Nessuno sa di noi

Nessuno sa di noi di Simona Sparago. La trama e la recensione

L’autrice scrive un romanzo commovente che mette il lettore e la lettrice con le spalle al muro annichilendoli perché, come accennato, una storia del genere suscita domande nuove e spiazzanti.

Trovi il romanzo di Simona Sparaco qui

E io cosa farei se fossi al posto di Luce e Pietro? Mi comporterei come lei? Delegheri ogni scelta al mio compagno? Gli darei l’autorizzazione di decidere del mio corpo e della vita che mi cresce dentro in quel modo? Luce è tuttavia una donna fragile, che si lascia guidare fino a quando non ne può più di stare a guardare.

Nello studio medico, dove con Pietro è andato per fare una nuova ecografia, Luce resta infatti inerte quando la ginecologa le comunica che suo figlio Lorenzo ha una grave displasia scheletrica. Eppure lei lo sente scalciare, farsi spazio, insomma lo sente vivere…

Un romanzo commovente…

Simona Sparaco in Nessuno sa di noi usa la prima persona per raccontare l’esperienza personale e soggettiva di una donna alle prese con un aborto terapeutico e lo fa senza giudizio, facendo soltanto intravedere qual è lo scenario italiano in materia, perché ciò che interessa alla scrittrice non è la cruda attualità bensì lo spazio interno della protagonista che, a causa di quell’evento traumatico, riconsidera molti aspetti della sua esistenza (anche il rapporto con Pietro) in un’ottica diversa. Più intenso di Se chiudo gli occhi (Giunti), Nessuno sa di noi mi ha molto commossa fino alla lacrime. Da leggere! Maria Ianniciello

Dona ora! Per contenuti di qualità. Grazie.

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Leave a Reply

shares