Libri: recensioni & interviste

Simona Sparaco, Se chiudo gli occhi: recensione del romanzo

Ho scoperto Simona Sparaco e il suo romanzo Se chiudo gli occhi per caso, in una notte di un giorno qualunque. In effetti, sono una lettrice notturna; mi piace leggere con le tenebre per poi consegnare ai sogni le storie e rielaborarle alla mia maniera. A volte mi addormento sul libro, in altri momenti non riesco a staccarmene. Accade quando la storia è appassionante e può capitare pure con un saggio. Lo ammetto, non volevo leggere Se chiudo gli occhi. Non ne avevo voglio ma ho acquistato questo romanzo, nonostante tutto, nonostante la titubanza iniziale. (La versione audio di questo articolo è in calce).

Simona Sparaco, Se chiudo gli occhi: recensione del libro

Volevo leggere Nessuno sa di noi, sempre di Simona Sparaco, di cui ignoravo tutto, pure che fosse la moglie di Massimo Gramellini. Ebbene, la trama di Nessuno sa di noi (con questo romanzo Simona è arrivata nella cinquina del Premio Strega) è stata come un pugno allo stomaco, soltanto leggerla mi ha fatto salire le lacrime agli occhi. Allora, viste le forti emozioni, ho pensato di cominciare con qualcosa di più soft di questa autrice italiana che ha ricevuto diversi riconoscimenti. E così è arrivato nella mia vita Se chiudo gli occhi.

Simona Sparaco se chiudo gli occhi

I libri non sono mai giunti per caso nelle mie notti di lettura. In verità sono romantica, forse fino all’eccesso, lo so, ma un libro, se è quello giusto, riesce a cambiarmi la vita. Se chiuso gli occhi è il classico romanzo di una scrittrice che sembra essere agli inizi ma che già ha molto da dire. Simona lo ha pubblicato con Giunti nel 2014. La scrittura non è acerba e i personaggi sono ben delineati eppure la storia non mi ha coinvolta mai del tutto. Manca il pathos, manca quel quid che riesce a trascinarti fino a notte fonda per il solo desiderio di sapere come va a finire.

Trama del romanzo

Simona Sparaco in Se chiudo gli occhi scrive del viaggio di un padre e di una figlia. L’Io narrante è quello di Viola che racconta la sua storia. Suo padre Oliviero è sempre stato latitante nella sua vita e poi in quella della figlia Cristina. Importante scultore, quest’uomo porta con sé un segreto ingombrante in un passato in cui le donne hanno avuto un ruolo particolare. Un giorno Viola rivede Oliviero dopo molti anni, è tornato per trascinarla in un viaggio nel suo paesino natio, tra le montagne e la neve. Qui la protagonista ritrova le proprie radici di donna, scoprendo una parte di sé sconosciuta. Ed è il padre latitante che le permette di affrontare un percorso non voluto e per certi versi doloroso. Un’antinomia, dunque, che però conferisce al padre un ruolo andando oltre i luoghi comuni e superando i giudizi sommari su cosa sia giusto e cosa sia sbagliato.

Trovi i libri di Simona Sparaco qui

Non avendo letto altri libri di Simona Sparaco non posso fare paragoni con i romanzi successivi. Posso però dirvi che vale comunque la pena leggerlo per accostarsi a questa autrice, un po’ come ho fatto io, in punta di piedi aspettando di trovare il coraggio per leggere Nessuno sa di noi. Maria Ianniciello

Il nostro voto
Vota anche tu il film (se lo hai visto)
[Total: 0 Average: 0]
close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Commenta