C'mon C'mon recensione
Non solo Cinema,  Recensioni film

C’mon C’mon: un film in bianco e nero con un poetico Joaquin Phoenix

C’mon C’mon: recensione

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

Dopo Kenneth Branagh con Belfast, anche Mike Mills sceglie di togliere il colore dal suo quarto lungometraggio, C’mon C’mon, dando l’ultima parola a un bambino che costringe l’adulto a rivedere il suo microcosmo facendogli sviluppare pazienza e savoir-faire. L’adulto in questione si chiama Johnny ed è interpretato dal Premio Oscar Joaquin Phoenix in modo magistrale. L’attore, come qualcuno ha già sostenuto, conferisce poesia e dolcezza ad un personaggio molto semplice.

Il colore, dunque! I registi scelgono di eliminare dalla pellicola la scala dei colori in genere per un motivo prettamente artistico (a volte anche per cause legate al budget). I colori distolgono l’attenzione di chi guarda ma in questo caso, credo, che Mills abbia voluto generare, con il bianco e nero, un senso di nostalgia che dal protagonista arriva allo spettatore.

C'mon C'mon recensione

C’mon C’mom, contrariamente a quello che si potrebbe pensare, è ambientato in epoca contemporanea. Ci sono i cellulari, ci sono le chat. Eppure abbiamo la sensazione che qui il tempo si sia fermato proprio perché si entra nel mondo dei bambini che percepiscono lo scorrere delle ore e dei giorni in maniera differente. Gli adulti hanno la facoltà di scegliere se rientrare in una realtà di cui hanno dimenticato l’esistenza per dialogare con i più piccoli usando le categorie mentali dell’infanzia.

Un film elegante

Johnny è, infatti, un giornalista radiofonico che intervista bambini e adolescenti americani per raccontare come i luoghi condizionino e plasmino le menti dei cittadini del domani, soprattutto degli immigrati. L’obiettivo è capire come l’America stia cambiando e come si prepara, attraverso le prossime generazioni, al futuro. Mills ci fa ascoltare e vedere le interviste creando un film nel film senza disorientare lo spettatore. La storia principale si interseca così con le storie secondarie ma non come accade nei classici road movie. Piuttosto lo si fa alla maniera del cinema muto, un po’ come accade negli sketch, con sequenze che si sovrappongono all’improvviso l’una sull’altra conferendo al racconto una certa profondità di pensiero.

C’mon C’mom, pur affrontando temi molto attuali legati in primis alla genitorialità, è una pellicola di nicchia con una buona sceneggiatura e un ottimo montaggio. Si tratta nello specifico di un film intellettuale, con uno stile raffinato ed elegante.

Trama di C’mon C’mom

Johnny sta facendo una serie di interviste a Detroit quando la sorella Viv (Gaby Hoffmann) lo chiama per chiedergli di badare al figlio di nove anni, Jessie (Woody Norman), perché il marito Paul – che vive a Oakland – ha una grave malattia mentale e lei deve assentarsi per convincerlo a farsi curare. Tra Johnny e il nipotino si crea ben presto un profondo legame, non senza difficoltà e incomprensioni. La recensione di C’mon C’mon è stata scritta da Maria Ianniciello

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Commenta