Non solo Cinema Recensioni film

Aline – La voce dell’amore, il film su Céline Dion sorprende e appassiona

Aline – La voce dell’amore: recensione del film

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

Forse c’è qualche lieve nota stonata in Aline – La voce dell’amore, il film liberamente ispirato alla storia di Céline Dion. Forse la scelta di usare la stessa attrice (rimpicciolita alla computer grafica) anche quando la protagonista era una bambina non è stata del tutto appropriata eppure questa pellicola appassiona e diverte perché la vicenda narrata è magica, surreale, intensa.

Il personaggio di Aline – che è interpretato dalla stessa regista Valérie Lemercier – è ben strutturato e approfondito. Sebbene nelle fasi iniziali del film sembra che la macchina da presa mantenga una certa distanza emotiva dalla protagonista, man mano che passano i minuti Aline prende forma in tutte le peculiarità proprio come la sua voce. Il film racconta, anche se in modo romanzato, il dietro le quinte di una carriera straordinaria.

Aline - La voce dell'amore recensione

Trama del film

Aline/Celine è la minore di quattordici figli nati in un’atmosfera bucolica del Quebec da Sylvette e Anglomard Dieu. La piccola vive in un ambiente di musicisti. Consapevoli di avere in casa un grande talento, i familiari della ragazzina contattano il produttore musicale Guy-Claude Kamar (nella realtà era René Angélil), qui interpretato da Sylvian Marcel.

L’uomo quando ascolta Aline cantare ne resta estasiato e decide di investire su questo talento innato della musica. Non si sbaglia. Perché ben presto Aline diventa una cantante conosciuta in tutto il mondo.

Il film indugia molto sull’amore che la cantante prova per Guy-Claude; racconta poi come i due convolino a nozze, nonostante l’opposizione della madre di Aline. La pellicola rivive inoltre le aspirazioni, inizialmente deluse, della protagonista nel diventare madre; narra poi dei disturbi alle corde vocali nonché della difficoltà di elaborare il lutto per la morte prima del padre e poi soprattutto del marito. La pellicola ci fa riflettere infine su quanto lo showbusiness sia pretenzioso, annichilente, snervante per i divi che dopo un po’ di tempo spesso sentono nascere una forte sofferenza, forse perché desiderosi di un briciolo di anonimato e quindi normalità.

Aline – La voce dell’amore è, dunque, un biopic romanzato non ufficiale che alza anche i riflettori sulla perenne sensazione di instabilità e cedevolezza che una neomamma famosa affronta quotidianamente quando lascia i propri figli ad altri.

 Il film, devo ammettere, mi ha molto commossa, forse perché faccio parte della generazione dei teenagers degli anni Novanta. Quando uscì Titanic, difatti, avevo 16 anni e tanti sogni da realizzare. La voce di Céline Dion che, sulle note ‘My Heart Will Go On’, vibrava nel cielo come il canto di un usignolo, mi fa venire la pelle d’oca ancora oggi riportandomi a quel periodo seducente della mia vita.

Perciò rivivere al Cinema un pezzo della storia di Celine Dion, che col suo repertorio mi ha accompagnata nel mio viaggio verso i diciott’anni, è stato un privilegio e insieme una sorpresa. La recensione di Aline – La voce dell’amore è stata scritta da Maria Ianniciello

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008.
Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana.
Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio.
Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali.
Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'.
Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv).
Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia.
Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare.
Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Lascia un commento