Non solo Cinema Recensioni film

A proposito dei Ricardo, un film brillante su una coppia di successo

A proposito dei Ricardo: recensione e trama del film

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

Aaron Sorkin è uno di quei registi che scava nei fatti per raccontare il dietro le quinte di vissuti noti. In realtà Sorkin ha dedicato gran parte della propria carriera alla scrittura dei film; in veste di sceneggiatore ha infatti scritto pellicole come The Social Network, Codice d’onore, Il presidente  – Una  storia d’amore, La guerra di Charlie Wilson, L’arte di vincere, Steve Jobs. Come regista è invece attualmente al suo terzo film con A proposito dei Ricardo (Being the Ricardo).

Questa volta Aaron Sorkin alza i riflettori su un duo celebre della televisione americana degli anni Cinquanta, ovvero su Lucille Ball e Desi Arnaz. La celebre coppia di coniugi diventò famosa grazie alla sit-com di successo, Lucy ed io, che andò in onda sulla CBS al 1951 al 1957. In Italia fu trasmessa solo la prima stagione della serie tv sul Programma Nazionale della Rai, alle 22.15 dal 6 febbraio al 28 maggio 1960. L’ambientazione è la casa di Lucy e Ricky Ricardo, in modo particolare la sala da pranzo dove si svolgono degli sketch molto divertenti tra le risate del pubblico in studio.

A proposito dei Ricardo

Lucille Ball e Desi Arnaz, il duo comico degli anni Cinquanta

Nel suo nuovo film, A proposito dei Ricardo (che trovate qui), Sorkin ci conduce nella vita privata di Lucille Ball e Desi Arnaz mediante l’espediente narrativo del mockumentary, cioè attraverso una serie di interviste fittizie condotte in un ipotetico presente ai collaboratori del duo di attori rendendo tutto verosimile e credibile.  

In questo modo si va indietro e avanti nel tempo. Così, affrontando tematiche degli anni Cinquanta (come la lotta al Comunismo nell’America del Maccartismo e la vita matrimoniale di una coppia mista in una società conservatrice), si riflette su temi cruciali per la società contemporanea: dalla mistica della femminilità negli ambienti televisivi, dove anche pronunciare la parola “incinta” era ed è un sacrilegio, alle tensioni che nascono in  una coppia di artisti dove ciascuno ha bisogno di spazio per potersi esprimere, dall’impossibilità della donna di realizzare pienamente se stessa senza ferire l’ego del proprio partner alle dinamiche, spesso malsane, del successo.

Parte della pellicola si sviluppa idealmente nell’arco di una settimana, nel corso della quale i Ricardo devono fronteggiare l’accusa di aver simpatizzato per il Partito Comunista  – che viene fatta a Lucille a mezzo stampa  – e le continue scappatelle di Desi che finiscono nientemeno che sui tabloid. La macchina da presa ci porta dietro le quinte della Sit-com dove si scrivono gli episodi e si decidono le sorti dei personaggi. Lucille mostra estro e creatività, influenzando le scelte degli autori anche se solo in parte.

A proposito dei Ricardo è dunque un film che prende l’attenzione gradualmente, un passo per volta, e che riesce a fare presa sullo spettatore grazie alle interpretazioni magistrali di Nicole Kidman e Javier Bardem. La scenografia è piacevole; i dialoghi sono brillanti, forse il film manca di pathos ed è un po’ troppo celebrale ma nel complesso convince. La recensione è stata scritta da Maria Ianniciello

Il film ha ricevuto due nominations agli Oscar 2022: migliore attore e attrice protagonisti.

Pagina aggiornata il 9 febbraio 2022.

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008.
Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana.
Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio.
Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali.
Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'.
Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv).
Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia.
Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare.
Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Lascia un commento