Paola Cortellesi è la befana che vien di notte. Il film è su Prime Video

La Befana vien di notte: recensione del film

“La Befana vien di notte, con le scarpe tutte rotte, col vestito alla romana. Viva viva la befana”. Ci sono parecchie versioni di questa famosa filastrocca che molti di tanto in tanto, tra la notte del 5 e del 6 gennaio, hanno cantato. La nota canzoncina, infatti, è stata tramandata di generazione in generazione tanto che Michele Soavi ci ha costruito addirittura un film con Paola Cortellesi nei panni della vecchina più famosa d’Italia.

La pellicola s’intitola, appunto, La Befana vien di notte (la trovi su Amazon Prime Video qui). Il regista tra inseguimenti e vette innevate gira una commedia che diverte i bambini rendendoli parte attiva proprio perché colloca al centro del film una comitiva di ragazzini che dovranno salvare la Befana dalle grinfie di un illustre giocattolaio (Stefano Fresi) che per stazza e colore dei capelli mi ricorda ‘lo Spirito del Natale presente’ in A Christmas Carol, la pellicola ispirata a Il Canto di Natale di Charles Dickens.

Un film adatto alle famiglie

La Befana vien di notte è un film adatto alle famiglie perché fa sorridere grandi e piccini. Michele Soavi si avvale della versatilità di un’attrice come Paola Cortellesi, la cui comicità in questa pellicola purtroppo è stata un po’ sacrificata. Il regista milanese realizza, dunque, una commedia che strizza l’occhio al fantasy d’oltreoceano, con ampie panoramiche e prospettive accattivanti, mescolando generi e sottogeneri cinematografici. Ne viene fuori un enorme calderone che, però, considerata la concorrenza, si rivela essere forse la migliore commedia italiana di questo periodo natalizio che, per me, è stato un po’ in sordina dal punto di vista cinematografico.

La Befana vien di notte film Cortellesi recensione

La Befana vien di notte ha una sua morale: insegna ai più piccoli che in nome di un ideale e soprattutto di una missione comune si possono superare diverbi e diversità perché l’unione fa davvero la forza. E, così come la Befana vola sulla sua scopa, anche noi possiamo volare sulle ali della fantasia per creare un mondo migliore nel quale la prepotenza viene scalfita dall’amore.

In questo film la Befana di giorno è una bella insegnante – che, come accennato, ha il volto della Cortellesi – per poi allo scoccare della mezzanotte trasformarsi in una vecchina con la gobba e con il naso aquilino che, in groppa ad una scopa veloce e un po’ dispettosa, porta i doni a tutti i bambini del mondo la notte del 6 gennaio.

Guardando questo film mi sono rivista da bambina quando immaginavo di scovare la Befana mentre usciva dal caminetto. La preoccupazione che potesse bruciarsi si miscelava ad una sorta di ansia salutare che anticipava la sorpresa di aver ricevuto ciò che avevo chiesto. Era così magico… così colorato… così autentico… ma la Befana portava via anche tutte le feste e, quindi, c’era pure la consapevolezza che il tempo dei giochi era ridotto ormai all’osso perché l’indomani sarei dovuta ritornare a scuola e, per giocare con i doni ricevuti, avrei dovuto attendere il fine settimana successivo. Tutto questo ne La Befana vien di notte non si evince.

Il 30 dicembre 2021 esce il prequel

Intanto il 30 dicembre 2021 esce al cinema il prequel con Monica Bellucci nei panni della vecchina più famosa al mondo. Da non perdere! (La recensione è stata scritta da Maria Ianniciello, segui l’autrice su Instagram)

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Lascia un commento