Tag "attori"

Il protagonista si chiama Bailey ed è un cane che si pone sin da subito domande esistenziali per capire qual è il proprio ruolo. Nel film si usa la legge karmica per divulgare un messaggio d’amore. Questo simpatico animale si reincarna, assumendo varie sembianze…

Scenografie, costumi, fotografie: la settima arte non è solo regia e quest’esposizione ce lo ricorda. Potete visitarla alla Casa del Cinema dove vedrete inoltre le più belle pellicole di Luchino Visconti, in un’atmosfera coinvolgente e ricca di stimoli. Qui i dettagli.

Lo spettacolo sarà in scena dal 2 al 5 febbraio 2017 al LinearCiak. La rappresentazione, dal 2013 – anno di nascita – a oggi si è evoluta molto conquistando a poco a poco il cuore del pubblico grazie all’impegno di Grace Alanis. Qui trovate i dettagli e alcune curiosità sulla messa in scena.

La pellicola è al cinema dal 12 gennaio 2017. Cultura & Culture scrive: “Il viaggio dei due missionari diventa qui il percorso ascetico di un uomo che cerca Dio in un Paese in cui predomina il Buddismo e che forse lo trova più nel silenzio che nella parola…”

“Robert Zemeckis, dal punto di vista stilistico, non sbaglia una mossa: i primi piani conferiscono ai personaggi principali un velo di mistero; i campi lunghi contestualizzano la storia, mentre i molti dettagli ci forniscono preziose indicazioni…”

“Il movimento è l’asse portante della pellicola: il protagonista è sempre in viaggio tra mille impegni e cambi di programma. La pellicola, nelle sale dal 12 gennaio 2017, è diretta da John Lee Hancock che si avvale di un cast eccellente, nel quale prevale il talento di Michael Keaton…”

E` un film avvincente che commuove con gusto ed eleganza attraverso immagini oniriche che s’intrecciano tra passato e presente. Partendo da una straordinaria storia vera (narrata anche in un libro), il regista si avvale di un ottimo cast…

Lo spettacolo, che è in scena dal 10 gennaio 2017 al Teatro Studio Melato, è un tentativo ben riuscito di far conoscere il meglio e il peggio di una città che rappresenta l’Italia, forse, più di qualunque altra per la passionalità e veridicità di un popolo che si affida a San Gennaro per qualsiasi cosa…

“I dialoghi sono l’arma vincente di questa pellicola, soprattutto quando parlano il Tempo (Jacob Latimore), la Morte (Helen Mirren) e l’Amore (Keira Knightley). Il lungometraggio ricorda lievemente pellicole come Vi presento Joe Black ma senza l’intensità di quest’ultima…”

La kermesse partirà da Trevico (paese natio di Ettore Scola), con una lectio magistralis – a cura di Marco Lombardi, promotore della manifestazione -, in programma alle 18 presso il Palazzo Scola e proseguirà nei giorni successivi, sino all’8 gennaio 2017 coinvolgendo Zungoli e Vallesaccarda…

Mr Felicità è un ragazzo triste e sfaticato che si è trasferito in Svizzera dalla sorella (Cristiana Dell’Anna), la quale a causa di un incidente dovrà subire una delicata operazione dal costo di ventimila euro. Questo infausto evento consentirà a Martino (questo il nome del protagonista) di trasformarsi in un life coach…

Da Collateral Beauty a Il Cliente. E non possiamo non citare Assassin’s Creed di Justin Kurzel con uno straordinario Michael Fassbender e un’ottima Mirrion Cotillard (nel cast anche altri grandi attori) che ritroveremo in Allied – Un’ombra nascosta (nelle sale dal 12 gennaio 2017) accanto a Brad Pitt.

“Nella pellicola di Spielberg sia il ‘vecchio’ e sia l’infante avranno qualcosa di grandioso da imparare, perché l’umanità ha sempre saputo tramandare alle generazioni future il sapere dei padri, affinché quest’ultime potessero creare qualcosa di nuovo facendo leva sulle radici…”

Nato nel 1930 e scomparso nel 2010 il regista parigino segnò un’epoca con le sue pellicole. Indagò nei grovigli dell’anima con occhio attento e fu il capostipite della Nouvelle Vague, corrente cinematografica francese. A gennaio gli si rende omaggio con dieci film. Qui ne saprai di più!

“Meryl Streep è mastodontica nei panni di questa donna facoltosa e mecenate della musica che si diletta a cantare, steccando (molto), mentre il marito – un convincente Hugh Grant – organizza le serate musicali selezionando il pubblico e corrompendo un certo tipo di critica…”

“La famiglia Tucci di Poveri ma ricchi è logorroica, verace e confusionaria, un po’ come i Sciosciammocca di Miseria e Nobiltà (1954), il classico del cinema italiano con un Totò stellare. I temi si ripetono però oggi la saggezza è tutta nelle nuove generazioni…”