Posts From Maria Ianniciello

Il musical, che è al cinema dal 26 gennaio 2016, ha ricevuto 14 nomination agli Oscar. Cultura & Culture scrive: “Ci ha riportato indietro nel tempo facendoci rivivere la delicatezza di emozioni spesso soffocate: la dolcezza di un incontro, l’appuntamento al cinema, il primo bacio e la paura della perdita…”

Aumentano in Italia le aziende produttrici di alimenti biologici. Che cosa sono i prodotti bio? Che cos’è l’agricoltura biologica? E questi cibi sono necessari per preservare la salute? Qui il parere del medico, Sara Farnetti, e i dati della Coldiretti con l’intervista ad Annamaria Saccardo…

“Può essere visto come una pellicola polivalente, perché se da un lato ci fa trascorrere una serata piacevole, dall’altro ci lascia l’amaro in bocca dimostrandoci che, quando veramente si vogliono cambiare le cose, applicando la Legge, rischiamo di uscire dal gregge rimanendo così isolati, con le spalle al muro…”

In questa pellicola si decide di affidare a una donna il destino dell’umanità. La protagonista – fra paure, inquietudini e un coraggio impensabile – fa prevalere l’intuito, inteso come una forza sconosciuta che, istintivamente, ci porta a compiere scelte provvidenziali…

La pellicola alza dunque i riflettori su fatti veri, sia collettivi sia individuali. Attraverso le storie, solo accennate, dei piccoli si narra una vicenda molto più ampia che coinvolse la Germania tra il 1939 e il 1944, quando fu messo in atto un macabro piano di eutanasia…

Il protagonista si chiama Bailey ed è un cane che si pone sin da subito domande esistenziali per capire qual è il proprio ruolo. Nel film si usa la legge karmica per divulgare un messaggio d’amore. Questo simpatico animale si reincarna, assumendo varie sembianze…

Cultura & Culture intervista la biologa e ricercatrice del Dipartimento di Medicina Predittiva e per la Prevenzione della Fondazione IRCCS-Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. La dottoressa ci spiega che cos’è un tumore maligno, come si sviluppa e come prevenire con l’alimentazione…

La pellicola è al cinema dal 12 gennaio 2017. Cultura & Culture scrive: “Il viaggio dei due missionari diventa qui il percorso ascetico di un uomo che cerca Dio in un Paese in cui predomina il Buddismo e che forse lo trova più nel silenzio che nella parola…”

“Robert Zemeckis, dal punto di vista stilistico, non sbaglia una mossa: i primi piani conferiscono ai personaggi principali un velo di mistero; i campi lunghi contestualizzano la storia, mentre i molti dettagli ci forniscono preziose indicazioni…”

“Il movimento è l’asse portante della pellicola: il protagonista è sempre in viaggio tra mille impegni e cambi di programma. La pellicola, nelle sale dal 12 gennaio 2017, è diretta da John Lee Hancock che si avvale di un cast eccellente, nel quale prevale il talento di Michael Keaton…”

Sia i fatti e sia le opinioni hanno il diritto di esistere, ma purtroppo – come affermava Umberto Eco – sui social una marea ‘imbecilli’ sono a briglia sciolta. Spesso si tratta d’individui che non riescono a incanalare diversamente la loro rabbia e riversano le emozioni più viscerali sulle persone…

Pensiamo, erroneamente, che questo stato d’animo sia una conseguenza delle comodità e, quindi, per stare meglio, spendiamo denaro, che magari non ci possiamo permettere usando la carta di credito e alimentando il debito di una società in balia del desiderio…

E` un film avvincente che commuove con gusto ed eleganza attraverso immagini oniriche che s’intrecciano tra passato e presente. Partendo da una straordinaria storia vera (narrata anche in un libro), il regista si avvale di un ottimo cast…

“I dialoghi sono l’arma vincente di questa pellicola, soprattutto quando parlano il Tempo (Jacob Latimore), la Morte (Helen Mirren) e l’Amore (Keira Knightley). Il lungometraggio ricorda lievemente pellicole come Vi presento Joe Black ma senza l’intensità di quest’ultima…”

Mr Felicità è un ragazzo triste e sfaticato che si è trasferito in Svizzera dalla sorella (Cristiana Dell’Anna), la quale a causa di un incidente dovrà subire una delicata operazione dal costo di ventimila euro. Questo infausto evento consentirà a Martino (questo il nome del protagonista) di trasformarsi in un life coach…

“Nella pellicola di Spielberg sia il ‘vecchio’ e sia l’infante avranno qualcosa di grandioso da imparare, perché l’umanità ha sempre saputo tramandare alle generazioni future il sapere dei padri, affinché quest’ultime potessero creare qualcosa di nuovo facendo leva sulle radici…”