culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Non solo film

Cosa sarà: recensione del film con Kim Rossi Stuart

Cosa sarà non è solo il titolo di una canzone di Lucio Dalla ma è anche il nome del nuovo film di Kim Ross Stuart che, come al solito, riesce a conferire credibilità al suo personaggio, rendendolo autentico nelle sue paure ed insicurezze. Cosa sarà è un omaggio all’essere umano visto nella sua completezza, tra vulnerabilità e coraggio, audacia e paura, in questo viaggio, a volte imperfetto, che è la vita.

Cosa sarà: recensione e trama del film

Questo film alza i riflettori sulla sanità, con un medico autorevole ma non disumano e né freddo, un infermiere barese che si fa in quattro per i pazienti, che non sono dei numeri bensì delle persone con un bagaglio di emozioni che ha il diritto di essere visto e capito!

Dal punto di vista stilistico Francesco Bruni, pur indugiando sulla malattia, non ci sbatte in faccia il dolore del protagonista e dunque rende tutto più sopportabile grazie ai numerosi flashback realizzati con un montaggio che non confonde né distorce la percezione dello spazio-tempo.

Lo spettatore, infatti, riesce a seguire la vicenda senza distrarsi e forse in molte sequenze si sente davvero partecipe, nonostante la durezza del tema trattato.

Cosa sarà è un film che parla del perfetto equilibrio tra la vita e la morte, che è da sempre onnipresente al nostro fianco, ma anche di paternità, dell’importanza di avere vicino le persone care non solo quando si soffre, e del piacere che si prova quando la vita ritorna a sorridere dopo una lunga traversata.

Kim Rossi Stuard è un regista cinematografico…

Cosa sarà è il racconto del calvario di Bruno Salvati, un regista cinematografico che scopre di avere un tumore al sangue, per il quale serve necessariamente un trapianto del midollo. Il film, dunque, potrebbe essere visto anche su due piani paralleli: il protagonista, con la sua vicenda intima e personale, potrebbe simboleggiare anche il Cinema che sta attraversando il periodo più difficile della sua storia.

Cosa sarà è un film che vi consiglio di vedere per l’ottima performance di Kim Rossi Stuart e per la capacità di saper affrontare un tema molto delicato con eleganza. Maria Ianniciello

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Leave a Reply

shares