culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Di tutto un po'

Covid-19, ecco cosa dicono i dati dell’Istituto Superiore di Sanità

Si parla e si scrive tanto di Covid-19 sui vari quotidiani e sui siti web di informazione ma sono poche le testate giornalistiche che esaminano i dati in modo obiettivo, andando oltre la linea politica del giornale, il sensazionalismo e i titoli ad effetto. Spesso ci si limita a dare il solito bollettino quotidiano, riportato alla meglio maniera ma che non spiega nulla di cosa stia davvero accadendo in Italia e nel mondo.

Il bollettino giornaliero non è un valore aggiunto, perché non porta nulla di buono nella tua vita se non paura, panico, insicurezza, instabilità: tutte condizioni che fanno male alla salute psicofisica tua e dei tuoi familiari. Cosa cambia se giornalmente sai quanti contagi ci sono? Questa informazione che valore ha per te? Ben poco, immagino!

Ed è per questo che da oggi e per un po’ ti illustrerò qualche dato, usufruendo delle metodiche del Data Journalism, delle fonti che il Ministero della Salute mette a disposizione e delle notizie che mi verranno fornire da addetti ai lavori seri e competenti.  

Partiamo dai decessi. So che è un argomento spinoso e so che le persone decedute non sono dei numeri; quei morti avevano un nome e un cognome, erano genitori, nonni, zii, fratelli, sorelle. E io porto loro un grande rispetto eppure i numeri hanno un valore e, se ci sono, bisogna usarli bene senza strumentalizzare per creare allarmismi né per negare l’evidenza. Vi ricordo che tra i due estremi, figli della semplificazione e della polarizzazione, ci sono tante sfumature che meritano di essere raccontate per dovere di cronaca e per etica professionale.

Il report sui decessi per Covid-19 è aggiornato al 22 ottobre 2020 e comprende tutto il periodo della pandemia.

Covid-19, i dati? I decessi da marzo al 22 ottobre 2020

L’analisi è stata fatta su un campione di 36.806 pazienti deceduti e positivi all’infezione da SARS-CoV-2.

Perché si dice pazienti deceduti positivi? Perché c’è differenza tra morte per e morte con Covid, dato che essere positivi al tampone non significa che la causa primaria del decesso sia stata per forza di cose il Covid-19. Nessuno potrà stabilirlo con assoluta certezza; potranno farlo solo le autopsie.

Dei 36.809 decessi ben 17.122 (il 46,5% dei pazienti deceduti in Italia) sono avvenuti in Lombardia. E’ interessante notare che, nonostante l’Emilia Romagna sia al secondo posto, la percentuale si abbassa considerevolmente arrivando al 12,3%, cioè a 4.531 morti. Seguono poi a ruota Piemonte (11,2%), Veneto (6,2%) fino al Molise (0,1%).

covid-19 dati

I dati parlano chiaro e la domanda sorge spontanea: cosa è accaduto in Lombardia? E più in generale in Italia? Stando ai dati di Euromomo, l’Organismo che traccia i morti nelle regioni europee, il virus ha fatto 120 decessi per milione di abitanti in Germania a fronte dei 587 per milione di abitanti in Italia. Sopra di noi c’è il Regno Unito con 611 morti per milione di abitanti. E allora: cosa è successo in Italia? Perché c’è tutta questa differenza con i tedeschi?

Età media e patologie preesistenti nei deceduti

covid-19 dati

L’età media dei deceduti è di 80 anni (mediana 82 anni). L’1,1 per cento dei 36.806 morti, ovvero 412 persone, avevano un’età inferiore ai 50 anni, di cui 90 avevano meno di 40 anni. Su novanta persone di 12 pazienti non ci sono cartelle cliniche; mentre tra gli altri 64 avevano patologie gravi e preesistenti (problemi cardiovascolari, renali, psichiatrici, diabete e obesità). Solo 14 persone al di sotto dei 40 anni non avevano malattie rilevanti.

Sui pazienti che sono deceduti al di sopra dei 50 anni sono state esaminate al momento 4.738 cartelle cliniche, su queste si è evinto che il numero medio di patologie osservate in questa popolazione è di 3,5. Nello specifico 168 pazienti presentavano zero patologie, 631 (13,3%) avevano 1 patologia, 928 (19,6%) presentavano 2 patologie e 3.011 (63,6%) avevano 3 o più patologie.

covid-19 dati
Analizzando i periodi marzo-maggio, giugno-agosto e settembre-ottobre 2020 si nota inoltre che nel terzo trimestre è aumentata l’età media dei decessi. C’è un incremento anche dei morti con 3 o più patologie, mentre diminuiscono i decessi tra le persone con 1 e 0 malattie.

I contagiati degli ultimi 30 giorni

Premettiamo che positivo non equivale a malato. In Italia negli ultimi 30 giorni abbiamo 231.410 contagiati, di questi sono guarite 37.336 persone e ci sono stati 1.491 decessi. Ecco le condizioni dei contagiati per sintomi e fasce d’età. Da notare che in tutte le fasce d’età, anche al di sopra dei 90 anni, il numero di asintomattici è considerevole, ci sono poi i paucisintomatici, cioè quelle persone con sintomi lievissimi, quasi nulli, e i positivi con una sintomatologia lieve. Le persone con un quadro clinico severo e critico ad oggi sono pochissime.

covid-19 dati
Grafico che si riferisce agli ultimi 30 giorni

Conclusioni e riflessioni

In Italia ci sono 14milioni circa di over 65, di questi 7milioni sono over 75. Il nostro Paese ha la popolazione più vecchia d’Europa. Alla luce di questi numeri e considerando i dati, si potrebbe spiegare la politica messa in atto dal nostro Paese per contrastare il virus.

Ma le domande sono d’obbligo e acuiscono l’ingegno facendoci cercare le giuste risposte. Quindi, considerata l’alta percentuale dei decessi avvenuti soprattutto nelle Rsa lombarde, di cui scriverò nel prossimo articolo, non è che la cura (ovvero le strategie per contenere il virus) sia più infausta della malattia perché crea notevoli disagi psicologici, sociali e anche sanitari a tutta la popolazione, compresi gli anziani, la cui percentuale di decessi è oggi bassa (se si esclude la criticità di marzo-aprile)?

E come mai la Germania, che ha una popolazione anziana simile alla nostra, ha molti meno decessi? Non è che la causa sia soprattutto sociale e strutturale?

In realtà l’Italia è un Paese che ha dimenticato sia i bambini che gli anziani. Questa è una nazione che ha un sistema di welfare INESISTENTE. Qui le donne, i bambini e gli anziani valgono ZERO. E la soluazione andrebbe ricercata in queste cause, non nei palliativi che ci offre la Politica! Maria Ianniciello

Per approfondimenti

https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/bollettino/Report-COVID-2019_22_ottobre.pdf

COME DIFENDERTI DAL GIORNALISMO SPAZZATURA?

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Leave a Reply

shares