culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Di tutto un po'

Cinema e teatri chiusi. La cultura è un bene essenziale. Ecco perché.

La cultura, secondo l’opinione corrente, non è un bene essenziale. E cosa vuol dire bene essenziale? Quali sono i beni essenziali? Per rispondere a questa domanda è importante partire dal concetto di salute. La salute è un bene prezioso che, secondo l’OMS, è “uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza dello stato di malattia o infermità”. Questa è una definizione che risale al 1948 e fu redatta subito dopo la seconda guerra mondiale e questo è molto simbolico, perché dopo un evento così traumatico si è voluto METTERE AL CENTRO L’UOMO CON TUTTE LE SUE ESIGENZE E TUTTI I SUOI BISOGNI. Cos’è che determina lo stato di salute OLISTICA, cioè del corpo quanto della mente che nella nostra cultura occidentale sono stati scissi, mentre in Oriente non c’è separazione tra corpo e mente così come nella visione psicosomatica. A determinare lo stato di salute OLISTICA, Oltre a fattori genetici, c’è lo stile di vita. Uno stile di vita sano ci aiuta a mantenere più a lungo lo stato di salute e benessere.

cinema e tratro chiusi

E questo vale anche per un’emergenza come questa, anzi forse anche di più. Perché la vera prevenzione ci aiuta anche ad affrontare meglio qualsiasi patologia. Lo dice la scienza, certo non lo dico io. La cultura ci aiuta a rimanere in salute, così come l’attività fisica. Capirete che la cultura è essenziale per la nostra mente, come il buon cibo (non il cibo spazzatura) nutre il nostro corpo e il sonno ci ristora, così la cultura ci mantiene mentalmente e nutre il nostro spirito.

Cinema e teatri chiusi. La cultura come ‘coltivare’…

Cultura deriva dal latino coltivare. Tutte le volte che facciamo cultura coltiviamo e quindi ci prendiamo cura di noi stessi trasmettendo alle future generazioni tutto il nostro patrimonio e la nostra essenza di uomini. La cultura, quando è interiorizzata, ci eleva dallo stato di bestie, differenziandoci dagli animali, in un viaggio iniziatico e di trascendenza che dal basso ci porta verso l’alto. Senza la cultura siamo sicuramente non in salute, almeno quella concezione di salute che esce da una visione più meccanicistica dell’essere umano.

L’indotto culturale comprende il settore dell’arte, degli spettacoli e quindi del cinema, dell’editoria e indirettamente del turismo. E’ un indotto molto variegato che dà lavoro a migliaia di famiglie in Italia e quindi, oltre a nutrire le nostre menti nutre anche le nostre pance. Le parole sono il seme, definire non essenziale un indotto come la cultura equivale a voler sminuire e a far sentire una nullità migliaia di lavoratore. E nessuno, nemmeno in tempi di emergenza, può permettersi di dire ad altre persone che sono una nullità! Maria Ianniciello

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Leave a Reply

shares