culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Non solo film

Lasciami andare: trama e recensione del film con Stefano Accorsi

Una famiglia formata da tre persone, proprio come nel recente Greenland: un uomo, una donna e un bambino. Poi il silenzio e la sciagura, insieme all’incapacità di lasciarsi e lasciarlo andare. Il nuovo film di Stefano Mordini, Lasciami andare, è interamente ambientato a Venezia che, nella sua immensa bellezza, si fa portavoce di oscure presenze che vivono in palazzi antichi e usurati dall’acqua alta. E, mentre le fondamenta marciscono, il protagonista, Marco (Stefano Accorsi), cerca, con i suoi colleghi ingegneri, di mantenere in piedi la città. Intanto un dramma privato, avvenuto anni prima, lo tormenta ancora.

Lasciami andare: trama e recensione

Marco, dopo la morte del figlio Leo, si è separato da Clara (Maya Sansa) e sta cercando di rifarsi una vita con Anita (Serena Rossi) che nel frattempo gli comunica di aspettare un bambino. Ed è proprio in questa fase di cambiamento che Marco conosce Perla (Valeria Colino), un personaggio singolare e pieno di charme che gli rivela una sconvolgente notizia: nella casa dove Marco viveva un tempo con la famiglia compare il fantasma del piccolo Leo! Perla diventa dunque l’occasione per il protagonista di compiere la catarsi affinché il vecchio possa lasciare spazio al nuovo.

Lasciami andare trama

Marco, però, fatica a crederci, a differenza dell’ex moglie Clara. E, come accade sempre più spesso oggi, l’irrazionale viene rifiutato per percorrere una via più accettabile dalla logica che è quella della Fisica Quantistica, la quale – si dice ad un certo punto del film – conferma quanto sostengono le religioni orientali. Ed è proprio qui che pecca la sceneggiatura, perché il Cinema è la fabbrica dei sogni e non necessita di spiegazioni razionali e di scelte narrative fatte forse per accontentare un po’ tutti!

Lasciami andare è comunque un film molto toccante che parla della vita dopo la morte, dandoci l’idea di quanto sia difficile oggi accettare ciò che non può essere spiegato e di come sia necessario evitare la rimozione del trauma elaborando il lutto, mediante un processo di trasformazione. Dal punto di vista stilistico, Mordini unisce più generi cinematografici, dando un messaggio di forte speranza, di cui in questa epoca abbiamo molto bisogno. (Maria Ianniciello)

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Leave a Reply

shares