Non solo Cinema,  Recensioni film

Venezia Cinema, Mila: recensione del film

Proprio stamattina guardando il calendario ho detto ad una mia amica: «Vorrei cancellare il 2020 dalla mia vita», e poi ho aggiunto: «Non so perché quando devo scrivere una data, quest’anno lo riporto con fatica su carta, ci devo pensare… mi viene il 2018 o il 2019 o anche 2017 ma non 2020». La mia amica ha confermato che le capita più o meno la stessa cosa. E io ho fatto spallucce presa dalla mia solita tristezza quando ripenso al Covid e a ciò che ci ha tolto! Almeno questo era il mio stato d’animo fino a qualche ora fa. Fino a quando non ho visto Mila, il film presentato alla 77. Mostra del Cinema di Venezia nell’ambito della rassegna Orizzonti.

Mila: recensione

Mila (si scrive μήλα) vuol dire ‘mele’ in greco. Diretto da Christos Nikou, il film è una produzione polacca, slovena e greca. La macchina da presa ci conduce nell’abitazione di un uomo che sbatte la testa contro il muro, poco prima di uscire di casa. In città – si sente alla radio – molte persone stanno perdendo la memoria e il protagonista si risveglia a bordo di un treno senza documenti e senza identità. Così viene portato dalle autorità in ospedale, dove inizia la riabilitazione.

Mila è un film intimistico che, con la splendida fotografia di Bartosz Swiniarski, posa lo sguardo su Aris (Aris Servetalis) un uomo solo che cerca la sua strada e la propria identità. Eppure a volte, per superare i dolori bisogna fare i conti con le forti emozioni che lo provocano e che fanno sanguinare ferite non ancora cicatrizzate.

Mila film

Un film lento ma dal messaggio forte

Questo film è privo di grandi colpi di scena, eppure è suadente nella sua drammaticità. Il ritmo è lento ed è in netta antinomia con i tempi contemporanei, dove il tempo ci sfugge di mano data la rapidità del pensiero e dell’azione.

I momenti morti nella pellicola, per la verità, non mancano ma proprio in queste sequenze i dettagli fanno la differenza perché è, attraverso questi ultimi, che si acquisisce un’idea complessiva dei turbamenti che scuotono l’animo del personaggio principale.

Il senso di solitudine viene così esorcizzato mediante una serie di esercizi, prima semplici e poi via via più complessi, che vanno a stemperare il dolore, rendendolo non solo consapevole ma anche un po’ più sopportabile. Mila non è (a mio avviso) un film che resterà negli annali della settima arte, anche perché i film sulle amnesie non mancano nella Storia del Cinema tuttavia quei lavori sono stati tutti girati prima del Covid.

Quindi, Mila ha un retrogusto agrodolce perché attraverso una storia individuale ripercorre, tra le righe, un dramma collettivo. Comunque questo film ha in sé più di qualcosa di buono e alla fine riesce a scuoterci davvero! Maria Ianniciello

SCHEDA DEL FILM MILA

Regia:Christos Nikou
Produzione:Boo productions (Iraklis Mavroeidis, Angelo Venetis, Nikos Smpiliris, Aris Dagios, Christos Nikou), Lava Films (Mariusz Wlodarski), Perfo Production (Ales Pavlin, Andrej Stritof)
Durata:90’
Lingua:Greco
Paesi:Grecia, Polonia, Slovenia
Interpreti:Aris Servetalis, Sofia Georgovasili, Anna Kalaitzidou, Argyris Bakirtzis
Sceneggiatura:Christos Nikou, Stavros Raptis
Fotografia:Bartosz Swiniarski
Montaggio:Giorgos Zafeiris
Scenografia:E Birba
Costumi:Dimitra Liakoura
Musica:The Boy
Suono:Leandros Ntounis, Saso Kalan, Tom Lemajic, Kostas Koutelidakis
close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Commenta