culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Non solo film

Padrenostro: trama e recensione del film

In un Paese che si cura poco dei bambini, arriva al Cinema Padrenostro, un film che entra nella testa dei più piccoli. Eppure qui non ci sono mostri, fate o streghe, perché Claudio Noce (il regista ha scritto anche soggetto e sceneggiatura con Enrico Audenino), partendo da una storia vera, posa la macchina da presa sulle piccole vicende italiane, entrando nella quotidianità di una famiglia che vive a Roma, per raccontarci gli effetti che la grande Storia ha sui singoli.

Padrenostro: trama del film e recensione

Noce non gira una saga familiare corale né ci da una ricetta per decodificare il mondo. Al contrario, attraverso una vicenda soggettiva, ci disarma senza fornire risposte nette. Al centro della trama di Padrenostro c’è il piccolo mondo antico di Valerio (da bambino è Mattia Garaci; da adulto è Paki Meduri), il cui sguardo attento è diretto sul padre che assume sembianze mastodontiche ai suoi occhi con immensi primi piani che sembrano quasi delle caricature. Pierfrancesco Favino, infatti, dà le sembianze a un personaggio fantasmatico perché creato sui ricordi di un bambino. Alfonso Le Rose lavora per lo Stato ma Valerio non lo sa, siccome molte cose del papà gli sfuggono. Anche perché i grandi sussurrano e pronunciano frasi allusive per rendere il mondo degli adulti impenetrabile.

Alfonso così appare e scompare, dando la percezione a Valerio di esserci solo quando davvero ha bisogno di una guida. Ma una mattina di un giorno qualunque il bambino assiste a una sparatoria, durante la quale un terrorista muore e il padre resta ferito. La madre (Barbara Ronchi) non si accorge che il piccolo la segue e che dunque ha visto tutto. Quindi, per diverso tempo tutti gli mentono!

padrenostro film trama

Cosa ne resta del padre?

Padrenostro si sofferma sul rapporto tra un padre e un figlio ma anche sull’amicizia che Valerio instaura con Christian (da bambino è Francesco Gheghi; da adulto è Giordano De Plano), un ragazzo più grande di lui e che è proprio il suo opposto.

Claudio Noce dunque in questo film immenso e dalla fotografia vivace (siamo nei ricordi di un bambino) ci dice tra le righe che la grande storia condiziona la piccola storia affermando a chiare lettere che abbiamo tutti bisogno di un padre che a volte ci salva dal baratro. Alfonso è calabrese, non è certo infallibile ma sicuramente è una presenza forte che diventa rassicurante solo per il fatto di esserci.

Cosa ne resta di quel padre oggi non ci è dato saperlo. Ciò che però Noce ci dice, ambientando la sua storia negli anni di Piombo, è che proprio nei momenti di crisi ciascuno di noi ha bisogno di punti di riferimento saldi. Il regista ci dimostra poi che quando le crisi ritornano sono proprio le radici a mantenerci in piedi! Maria Ianniciello

Qui il trailer

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares