Non solo Cinema

Tre film da vedere on demand su Sky e su Netflix stasera

Ecco tre film da vedere on demand su Sky e su Netflix stasera o quando vi pare.

‘La Conseguenza’ è un film del 2019 ambientato nel secondo dopoguerra. Siamo ad Amburgo. La Germania è stata sconfitta e le truppe angloamericane hanno invaso il territorio tedesco dettando le loro regole. I vinti cercano di riprendere in mano la loro vita mentre i vincitori dispongono il sequestro delle proprietà dei nazisti e avviano processi ai gerarchi tedeschi. Ora, in questo contesto collettivo si sviluppa una vicenda familiare. Rachael Morgan (Keira Knightley) arriva ad Amburgo dall’Inghilterra per ricongiungersi con il marito Lewis (Jason Clarke) che è un colonnello britannico. I due vivranno nella ricca dimora di Stefan Lupert (Alexander Skarsgård) che vive con la figlia negli scantinati. Tra Rachel e quest’ultima nasce una storia d’amore. Tra un passato doloro e un presente da ricostruire assisterete a diversi colpi di scena. Il film è diretto da James Kent e lo trovate su Sky on demand fino al 27 marzo 2021.

film da vedere on demand

Film da vedere on demand. Su Sky La Figlia del generale e su Netflix Fractured

Un altro film che vi consiglio di vedere on demand si intitola La figlia del generale ed è del 1999, con John Travolta e Madeleine Stowe.

E’ diretto da Simon West ed è tratto dall’omonimo romanzo del 1992 di Nelson DeMille. Si tratta di una storia vera. Fa molto riflette perché racconta delle sevizie che il capitano Elizabeth Campbell subì nell’esercito americano tra omertà e misoginia. Il film di per sé non è un capolavoro e forse non ha lasciato una grande traccia di sé però affronta una tematica su cui andrebbero accesi i riflettori di più. E lo fa con un grande cast. Io l’ho visto su Sky.

film da vedere on demand

L’ultimo film di cui vi voglio parlare si trova su Netflix e si intitola Fractured. E’ una pellicola del 2019, è diretta da Brad Anderson ed è un thriller psicologico alquanto avvincente che rievoca un po’ film più famosi, come il capolavoro di Scorsese Shutter Island.

Ray (Sam Worthington) è un padre di famiglia che sta andando con la moglie (Lily Rabe) e la figlia dai suoceri per la festa del Ringraziamento. I tre sono in auto e si fermano in un’area di servizio. La bambina scende e accidentalmente cade in un fossato. Ray porta la piccola in ospedale dove sparisce con la mamma.

Il film ci fa riflettere sul ruolo della figura paterna oggi e lo fa mostrandoci luci ed ombre del padre contemporaneo. La pellicola ha diverse lacune e certo non brilla per inventiva ma ve la propongo perché il ritmo tiene e complessivamente è avvincente. A presto per nuovi film da vedere on demand. m.i.

close

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Commenta

shares