Opinioni

RIGIDA…MENTE

© ~lonely~ Fotolia.com

Mentalità rigide, poco propense alle novità, impoveriscono un territorio, rendendo intere comunità schiave delle loro stesse credenze. La rigidità annebbia la mente e indurisce il cuore, facendoci vivere nella prigione dorata dei pregiudizi, da cui nascono spesso violenze e guerre. Sulla barca della vita navighiamo in acque sconosciute senza chiederci dove siamo diretti e soprattutto senza mai guardarci allo specchio per scoprire dettagli inediti della nostra personalità. Basiamo tutta la nostra vita su convinzioni che non ci permettono di guardare e ascoltare, che non ci consentono di esprimere le nostre potenzialità. La mentalità rigida non ci fa cogliere le innumerevoli chance della vita, costringendoci a dire no quando in realtà vorremmo dire sì o viceversa! Le convinzioni, inculcate quando eravamo bambini, ci impediscono di vivere in libertà e di cogliere la vera essenza della vita, perché rendono poco flessibile la nostra mente, che di fronte al nuovo si contrare per tornare sempre sulla vecchia strada, conosciuta e quindi sicura, stabile. Così facendo però ci perdiamo il meglio mentre gli anni passano…

Al contrario chi ha una mente flessibile e predisposta alle novità, procede con passo sicuro sulla via maestra, conscio che quelli che gli altri definiscono momenti negativi non sono altro che stimoli per crescere e fare meglio. Costui sarà fiducioso e responsabile, perché fonderà tutta la sua vita su valori solidi, come il rispetto del prossimo e l’onestà, e non si farà circuire da personaggi senza scrupoli, né sarà tentato da facili scorciatoie.

John Merrit era una persona che aveva tutte queste caratteristiche: poneva al di sopra di tutto il senso della giustizia e la passione che nutriva per il suo lavoro. Era un giornalista di altri tempi che voleva dare voce a chi non ce l’aveva e lavorava con l’entusiasmo di un bambino. Non aveva paura dei no, forse proprio perché si faceva guidare dal suo nobile fine.

Apriamo dunque le nostre menti e impegniamoci, proprio come Merrit, in quel che facciamo, sia per noi stessi, sia per la società!

Maria Ianniciello

 

 

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube (Marica Movie and Books). Curo la rubrica Bimbi al cinema sul blog Ricomincio da quattro di Adriana Fusè.

Lascia un commento

shares