culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Libri: recensioni & interviste

La rabbia delle mamme: recensione del libro di Alba Marcoli

Prima di soffermarmi sul libro ‘La rabbia delle mamme’ (Oscar Mondadori) di Alba Marcoli devo farvi una confidenza. Ho uno strano rapporto con la rabbia, in verità. Mi hanno detto che non è socialmente accettabile, perché rovina i rapporti e ti isola dagli altri! La rabbia è comunque un’emozione naturale che ha un inizio, una estensione e poi una fine. In realtà facciamo conoscenza con questa emozione primordiale ed arcaica nella prima infanzia. E chi più e chi meno la sperimenta, prima o poi. Non puoi sottrarti alla rabbia, anche se sei una donna e anche se ti hanno detto, sin da piccola, che arrabbiarsi è cosa da maschi. Si tratta nello specifico di una grossa discriminazione di genere talmente radicata che i genitori perpetuano questa forma pensiero sulle figlie senza nemmeno rendersene conto, trasferendola così di generazione in generazione.

La rabbia delle mamme: il libro di Alba Marcoli. Recensione

La rabbia delle mamme è mal vista, perché nella nostra società c’è posto solo per la donna angelo a causa di un malsano retaggio culturale che si annida nella nostra mente e nel nostro linguaggio diventando atteggiamento e poi si traduce in discriminazione. Secondo l’idea dominante, difatti, una madre dovrebbe essere sempre accogliente, accomodante, amorevole. Nell’universo materno, per la società di oggi e anche di ieri, dunque non ci può essere spazio per sentimenti contrastanti, pena un incredibile senso di colpa che alimenta altra rabbia.

Ne ho parlato abbondantemente nella serie di dirette Facebook ‘Le donne nel Cinema’. Le dirette sono diventate episodi del podcast di culturaeculture.it. Ma, anche dopo l’ultima puntata, non ho smesso di pensarci e ho continuato a leggere perché da mamma non posso farne a meno e da giornalista ho un bisogno quasi arcaico di documentarmi su ciò che penso possa essere socialmente utile.

Quindi, il libro ‘La rabbia delle mamme. Perdersi per ritrovarsi’ della psicoanalista Alba Marcoli fa parte ormai della mia folta bibliografia sul femminile tra cinema e psicoanalisi. Tanto che mi ha permesso di andare ancora oltre.

La rabbia non si risolve, si ascolta!

E allora come si risolve la rabbia? Secondo la psicologa clinica di formazione analitica, non si risolve. La rabbia si ascolta. La rabbia delle mamme poi nasce da situazione irrisolte e da emozioni latenti che affondano le loro origini nell’infanzia, quando da bambine queste mamme venivano lasciate sole nella loro emotività quotidiana.

Le storie di queste donne, che hanno in comune un dichiarato bisogno di affetto mancato, toccano il cuore perché, quando quel bambino urlante o quell’adolescente arrabbiato esprime la propria contrarietà, risveglia nella mamma il lato infantile rimosso che così cerca spazio mediante la rabbia.

Prendeti cura del tuo lato infantile!

Alba Marcoli – che ha trasferito la sua lunga esperienza con le famiglie e con i bambini in questo libro speciale – consiglia alle mamme di non accusarsi e di evocare nei momenti di rabbia la parte adulta che è nascosta da qualche parte, affinché la madre interna possa prendersi cura del bambino interiore.

La rabbia delle mamme è quindi un volume che consiglio a tutte le Madri che vogliono fare quel passaggio in più nel percorso di crescita e consapevolezza perché, con il figlio, cresce anche il genitore. Nel libro poi ci sono diversi passaggi dedicati al padre che ha un ruolo di sostegno e accompagnamento, perciò è una figura capillare.  (Maria Ianniciello)

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares