culturaeculture non ha pubblicità da maggio 2020. Contiamo sull'aiuto dei nostri lettori, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Dona ora!

Libri: recensioni & interviste

Parità in pillole: recensione del libro di Irene Facheris. Podcast in calce.

Il libro che vi voglio proporre oggi è Parità in pillole (Rizzoli) di Irene Facheris. Il volume affronta in maniera ingegnosa e sfrontata la tematica delle pari opportunità. Premetto che c’è molta rabbia in questo libro. L’autrice, nonostante si definisca una privilegiata, riesce a trasmetterci quel senso di ingiustizia che dovremmo sentire tutti quando si parla di disparità e non solo di genere. (N.B. Trovi il podcast di questo articolo in calce)

Non solo femminismo in Parita in Pillole

Irene Facheris in Parità in Pillole affronta diversi temi, dalle discriminazioni nei confronti delle donne alla violenza sessuale, dal razzismo all’omofobia e alla xenofobia. Il libro è così il risultato di una serie di riflessioni, che inducono il lettore a diverse considerazioni. Questa trentenne di Milano esce dagli stereotipi e ci fa comprendere bene che è il potere a dare forza a chi discrimina.

Trovi il nuovo libro di Irene Facheris qui

Parità in pillole

La rabbia si tocca con mano

Accennavo prima alla rabbia che si tocca con mano nel libro perché questa emozione dopotutto è necessaria per poter cambiare lo stato delle cose. Ciò che inoltre trapela in Parita in pillole (e questo non è un valore aggiunto) è un profondo senso di sfiducia. Da un lato si denuncia a chiare lettere, con forza e caparbietà, ma dall’altro non si offrono delle soluzioni precise. Non si mantiene così fede (almeno non totalmente) alla promessa fatta nel sottotitolo del libro. ‘Impara a combattere le piccole grandi discriminazioni quotidiane”, si legge sulla copertina. In realtà non ci sono strategie, perché il volume non è un manuale di autoaiuto. La Facheris fa in realtà solo denuncia sociale, anche se non ci sono dati e statistiche precise. E dunque Parità in pillole è un ottimo punto di partenza per cominciare ad aprirsi a questo tema e allargare così le proprie vedute. Nel libro c’è, difatti, una bibliografia, grazie alla quale potrete approfondire gli argomenti proposti nel volume. Quindi, consigliato? Sì.

Chi è l’autrice…

Classe 1989, Irene Facheris è milanese di nascita. Io l’ho scoperta su Spotify dove conduce il podcast Palinsesto Femminista. Mi sono appassionata proprio per i contenuti molto validi ch – complice anche la bella voce di Irene – rendono il podcast molto accattivante. La Facheris inoltre è Ceo di Bossy, un progetto che si occupa di parità, ed è autrice di un altro libro, sempre edito da Rizzoli, che si intitola “Creiamo Cultura Insieme: 10 cose da sapere prima di iniziare una discussione”. Irene si occupa anche di formazione, sempre nell’ambito delle pari opportunità. (Maria Ianniciello)

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha pubblicità da maggio 2020. Contiamo sull'aiuto dei nostri lettori, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Dona ora!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares