Non solo Cinema

Mummenschanz: quando l’ordinario diventa straordinario

1Niente scenografie, niente musica, niente parole: lo spettacolo dei Mummenschanz, la nota compagnia teatreale italo-svizzera, in programma al Teatro Bellini di Napoli, dal 12 al 17 novembre, è un momento partecipativo in cui gli artisti comunicano con il pubblico trasmettendogli impulsi  agendo per sottrazione. Gli spettatori vengono condotti in uno spazio vuoto e silenzioso in cui ogni oggetto quotidiano come la carta igienica, i fili, i tubi, le scatole si animano diventando personaggi di fantasia, i quali interagiscono in modi sorprendenti rivelando verità senza tempo riguardo le connessioni e le relazioni umane.

2Da 41 anni la compagnia svizzera dei Mummenschanz cattura consensi in tutto il mondo con le perfomance non-verbali di Floriana Frassetto, Philipp Egli, Raffaella Mattioli, Pietro Montandon e la preziosa collaborazione di Jan Maria Lukas e Dino “ Chico” De Maio. I Mummenschanz trasformano il teatro in una dimensione in perenne evoluzione: movimento e trasformazione sono i lieti motiv del loro universo surreale: sacchetti dilatati, resti di tubo a fisarmonica, teste di bidoni, fili di ferro o serpentine luminescenti, stoffe, cartoni, polistirene, gommapiuma solleticano il pubblico  trascendendo qualsiasi barriera culturale. Ombre e luci ispirano illusioni, sogni e fantasie, lo spazio si riempie di una  scenografia insita  nel movimento mentre le parole, contenute nei gesti, scandiscono le fasi dello show. Nel mondo dei Mummenschanz l’ordinario diventa straordinario e in due ore di spettacolo le loro sorprese riescono ad incantare proprio tutti.

 Raffaella Sbrescia

close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Raffaella Sbrescia

Raffaella Sbrescia è una giornalista iscritta all'ordine dei Giornalisti della Campania dal 2010 e blogger per il blog musicale "Ritratti di note". Dopo la laurea triennale in Lingue, culture e letterature dell'Europa e delle Americhe ha conseguito la laurea magistrale in Lingue e Comunicazione Interculturale in Area Euromediterranea presso l'Università degli Studi di Napoli l'Orientale con il massimo dei voti. Da sempre interessata al mondo della musica, dell'antropologia, dei viaggi e della letteratura, per Cultura & Culture è responsabile della sezione eventi e spettacoli.

Commenta