Il film su Yara Gambirasio

Recensione del film su Yara Gambirasio

Yara aveva 13 anni quando fu uccisa la sera del 26 novembre 2010. Della ragazzina – che si era recata in palestra dove faceva ginnastica artistica – si persero le tracce. Il corpo fu ritrovato un anno e due mesi dopo a Chignolo d’Isola, che dista dieci chilometri da Brembate di Sopra, il paese della ragazza. Il caso di Yara attirò l’attenzione dei media sia della provincia di Bergamo che nazionali.

Nel 2021 Marco Tullio Giordana sulla vicenda ha girato un film che si intitola semplicemente Yara ed si trova su Netflix. Il regista si è attenuto alle fonti ufficiali mettendo al centro della storia il Pubblico Ministero Letizia Ruggeri (Isabella Ragonese) ed è il punto di vista del PM sulla vicenda a fare da filo conduttore attraverso le parole del diario di Yara (nel film è Chiara Bono) che Ruggeri legge con una certa ostinazione e regolarità.

Il processo a Bossetti

Il film alza i riflettori sull’intera vicenda, dalla scomparsa della ragazzina al ritrovamento del cadavere fino al processo a Massimo Giuseppe Bossetti (Roberto Zibetti), un muratore di provincia che – grazie alle indagini eseguite per la prima volta nella storia della Giustizia italiana sul Dna di migliaia di persone – risultò per l’accusa essere l’assassino di Yara. Il caso stava per essere archiviato quando si scoprirono le generalità del famoso ‘Ignoto 1’.

La spettacolarizzazione della tragedia e la buona giustizia

Bossetti è stato condannato all’ergastolo ma continua a dichiararsi innocente chiedendo la riapertura del caso. La pellicola ricostruisce, con una certa meticolosità e con poca tensione, l’intera storia facendo comparire Bossetti solo alla fine. Viene fuori soprattutto il profilo di una ragazzina, Yara, che si stava affacciando alla vita, la cui vicenda dai Media come spesso accade è stata banalizzata e spettacolarizzata senza alcun ritegno né sensibilità verso la vittima e la famiglia.

Sulla spettacolarizzazione della tragedia il film non si sofferma troppo, perché il regista insiste sulla buona giustizia che spesso è data dalla forza di volontà dei singoli. Il film ha ottimi tempi narrativi e riesce a mantenere l’attenzione degli spettatori anche grazie al cast di attori di un certo calibro, come la già citata Isabella Ragonese e Alessio Boni nel ruolo del colonnello Vitali. Maria Ianniciello

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Lascia un commento