Sergio Leone – L’italiano che inventò l’America

Sergio Leone – L’italiano che inventò l’America è un film-documentario sull’arte di uno dei più grandi cineasti al mondo che, partendo dall’Italia e dalla sua idea di vita, rivoluzionò il modo di fare cinema.

Che cosa racconta il docu-film Sergio Leone – L’italiano che inventò l’America?

Con un’impronta estremamente personale, Sergio Leone restituì a vita nuova un genere che negli anni Sessanta del secolo scorso era in decadenza: il Western. E lo fece con piglio nostalgico che si evince anche nella trilogia del tempo, soprattutto nel gangster movie C’era una volta in America, la pellicola a cui Leone dedicò l’ultima parte della propria carriera. Uscito nel 1984 il film, con un giovane Robert De Niro, ripercorre il bello e il brutto di una Nazione in divenire dilatando il tempo un po’ come Leone aveva fatto nelle memorabili sequenze iniziali (sono un vero omaggio alla noia e alla finta indolenza data dall’attesa) di quel capolavoro che è C’era una volta il west.

Nato a Roma il 3 gennaio 1929 dal regista Roberto Roberti (pseudonimo di Vincenzo Leone che aveva origini irpine), e dall’attrice Bice Waleran, il piccolo Sergio respira l’atmosfera cinematografica sin dalla tenera età ma sarà durante l’adolescenza che si accosterà alla settima arte dove poi da adulto trasferisce tutto il suo sentire, il proprio vissuto nel quartiere di Trastevere e la verace passione per il Cinema d’oltreoceano, in modo particolare per il western, di cui riprende gli archetipi mitizzandoli. Oggi Sergio Leone è considerato uno dei più importanti registi della Storia del Cinema, che ha influenzato e tuttora influenza non solo i suoi più diretti discepoli, come Tarantino, ma anche i fumettisti e gli autori di saghe cinematografiche come Star Wars.

Una piccola lezione di cinematografia

Il documentario dà la parola non solo a chi ha conosciuto Leone e ci ha lavorato, come Clint Eastwood, protagonista della trilogia del dollaro, Robert De Niro e Jennifer Connelly, ma anche al suo successore Quentin Tarantino.

In Sergio Leone – L’Italiano che inventò l’America ci sono poi le interviste fatte a importanti registi, come Steven Spielberg, Martin Scorsese, Carlo Verdone, Giuseppe Tornatore. Commovente anche il ricordo dei figli, Francesca e Andrea Leone. E preziosi gli interventi di Ennio Morricone e di altri collaboratori del regista.

Il docu-film, che è diretto da Francesco Zippel, è una vera e propria lezione su una parte della Storia del Cinema e sul linguaggio cinematografico attraverso il grande cinema di Sergio Leone. Riprendendo lo stile del cineasta italiano, il docu-film apre tra le righe più di una finestra pure sul Novecento e sull’eredità di Leone. Da vedere!  Maria Ianniciello

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Lascia un commento