Non solo Cinema

A VENEZIA L’ADOLESCENZA DI ASSAYAS…

Una scena di Aprés mai

«Non faccio i film per trasmettere messaggi, non mi viene in mente». Così oggi in conferenza stampa Olivier Assayas che a Venezia ha portato “Après mai”, una pellicola ambientata nel Sessantotto visto da Gilles un ragazzo che ambisce a diventare regista.

«Il protagonista vive in un ambiente borghese, ma non ho dato una collocazione specifica agli altri personaggi che appartengono tutti alla middle class – ha precisato Assayas -. Ho già fatto un film sulla mia adolescenza nel 1994, il cui approccio rispetto a questa pellicola era più astratto. In “Après mai” sono presenti la natura, la tenerezza… l’amore. Oggi si tende a raffigurare un’adolescenza caricaturale, fatta di feste e di frivolezze; quell’epoca della mia vita è stata invece alquanto triste perché al centro di tutto c’era la politica. Nella Sinistra c’era qualcosa di violento che si rifletteva sulla personalità dei ragazzi».

Il cast di “Après mai”, che è in gara nella categoria Venezia 69, è formato da Clément Métayer, Lola Créton, Félix Arman, Carole Combes, India Salvor Menuez, Hugo Conzelmann, Mathias Renou; i produttori sono Charles Gillibert e Nathanael Karmitz. Grande attesa a Venezia anche per ”Outrage Beyond” di Takeshi Kitano. Si tratta del sequel di ”Outrage”, presentato in concorso per la Palma d’oro al Festival di Cannes 2010.

«Ci potrebbe essere anche una terza parte del film, ho già scritto la sceneggiatura», ha dichiarato Kitano, anche se il produttore ha affermato di non aver in mente il terzo e il quarto film.

Qui il programma completo di oggi:  http://www.labiennale.org/it/cinema/mostra-69/calendario/3set.html?back=true

Maria Ianniciello

close

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Commenta

shares