Cultura & Culture al Festival del Giornalismo di Perugia

Un'immagine di Fortapasc
Un’immagine di Fortapasc

La conoscenza è il motore della vita; senza di essa l’uomo sarebbe come un naufrago in un mare in tempesta. Per questo motivo, Cultura & Culture cerca di andare oltre la notizia per approfondirla cercando di comprendere il senso di quanto accade; stiamo pubblicando, come è nello stile di un quotidiano online, ogni giorno. Ininterrottamente.  Senza sosta. Le difficoltà sono molte, perché fare editoria sul territorio nazionale non è cosa da poco. Richiede impegno, dedizione e soprattutto un occhio di riguardo nei confronti del lettore che non mi stancherò mai scriverlo né di dirlo dovrebbe essere l’unico dittatore dei giornali e dei media, parafrasando Indro Montanelli. Questo non significa che il giornalismo debba assecondare gli umori di chi legge o guarda, ma ogni giornalista dovrebbe cercare di fare del proprio meglio per  fornire agli utenti una corretta informazione. Tutto ciò che non è etico non dovrebbe appartenerci. Ma l’etica, si sa, è anche una struttura della mente così labile e ampia, che ci confonde facendoci perdere “la retta”  via.

Non voglio, però, in questo editoriale fare una dissertazione sulla “morale”, bensì intendo solo annunciarvi che seguiremo da  vicino il Festival Internazionale del Giornalismo da domani. Cultura & Culture sarà infatti a Perugia per raccontarvi l’evento. Vi aspettiamo…

Maria Ianniciello

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: maria.ianniciello

maria.ianniciello
Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, ho diretto per sei anni, dal 2012 al 2018, il web magazine, www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuale. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI