A VENEZIA IL FILM DI VALERIA SARMIENTO

IL PROGRAMMA IN SINTESI

Settimo giorno di proiezioni alla 69. Mostra Internazionale di Arte Cinematografica di Venezia. Molteplici i film in programma. In Orizzonti: “Sennen no Yuraku” (The Millennial Rapture) di Koji Wakamatsu, “Menatek Ha-Maim” (The Cutoff Man) di Idan Hubel e “L’intervallo” di Leonardo Di Costanzo. Fuori concorso: “Ya man aach” (It Was Better Tomorrow) di Hinde Boujemaa. In concorso invece “Pieta” di Kim Ki-duk e “Linhas de Wellington” di Valeria Sarmiento.

Per approfondimenti sul programma clicca qui: http://www.labiennale.org/it/cinema/mostra-69/calendario/4set.html?back=true


IL FILM DELLA SARMIENTO

Nel colossal “Linhas de Wellington” si narrano le vicissitudini di una serie di personaggi di ogni età e di qualsiasi estrazione sociale che vengano trascinati in un esodo senza fine. Siamo nel 1810, le truppe francesi, guidate dal maresciallo Massena, vengono sconfitte nella Serra do Buçaco dall’esercito anglo-portoghese del generale Wellington. Nonostante la vittoria, portoghesi e britannici furono costretti a ritirarsi di fronte al nemico, numericamente superiore, al fine di attirarlo a Torres Vedras, dove Wellington aveva costruito linee fortificate insuperabili. Gli anglo-portoghesi organizzano l’evacuazione di tutto il territorio tra il campo di battaglia e le linee di Torres Vedras, innescando una brutale operazione di terra bruciata per impedire ai francesi di raccogliere materiali di consumo.

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

«Quando ho ricevuto la sceneggiatura, mi sono detta che sarebbe stato un compito piuttosto difficile, ma ho cercato di fare mia questa storia creando dei rapporti emotivi con l’intera vicenda e pensando alle donne che sono state torturate in Cile. Ed è così che ho potuto girare il film», ha dichiarato oggi in conferenza stampa la regista Valeria Sarmiento.

Il film è molto cruento ed è curato nei minimi dettagli. Nulla è lasciato al caso, a giudizio della critica.

M.I.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI