Festa della mamma, il ruolo delle madri oggi

mamma e bambinoL’11 maggio 2014 ricorre la Festa della Mamma, un momento che dovrebbe essere di riflessione su uno dei ruoli più importanti della società contemporanea. Perché crescere un figlio non è cosa da poco! Premetto che non sono una mamma, quindi posso solo immaginare le ansie e i timori di una madre, che cerca comunque di fare sempre, anche sbagliando, il bene dei propri figli. Perciò le mie parole sono scevre da giudizi e pregiudizi, tuttavia – siccome non ragiono da genitore – conosco bene il punto di vista, dunque anche i bisogni, di un figlio. Ci sono dentro, fino al collo. Sono una figlia e non una mamma. Ragiono e mi comporto da figlia: accuso, ma non troppo, comprendo, ma non tanto. Guardo e rifletto. Ascolto e penso. Chi è una mamma per un figlio diventato adulto? Una persona che c’è sempre, anche quando non la vedi, perché è qui… nel nostro cuore. Un angelo custode che ti dona amore. Questo almeno dovrebbe essere. A volte però alcune donne, desiderose di un affetto non ricevuto da bambine, proiettano sul neonato, che hanno tra le braccia, non solo i loro timori ma anche la loro fame d’amore. Bisognose di cure e di attenzioni non avute, alcune neomamme pensano di potersi realizzare attraverso quel figlio tanto desiderato, dimenticando che amando se stesse si riesce anche a dare amore incondizionato al proprio bambino facendolo così crescere robusto e sano nel corpo come nella mente. Essere mamme è difficile, ma essere figli è ancora più complesso, perché prima di diventare adulta e poi genitore una donna è stata innanzitutto una bambina. E quell’esserino, che magari non ha ricevuto le cure desiderate, vive dentro di lei, per tutta la sua vita. Il suo bambino interiore vuole essere amato quanto e forse più del piccolo che deve accudire nella vita reale. Reclama bene e pace. Amando incondizionatamente il bambino interiore, la neomamma riuscirà a dare amore puro e universale anche a suo figlio, che crescerà così autonomo, responsabile e soprattutto forte, perché è riuscito, grazie all’amore autentico, e non egoistico, di una mamma, a costruire una solita autostima. Osho affermava che esiste una differenza sostanziale tra essere mamma ed essere madre. La prima è il frutto di un istinto biologico per la conservazione della specie, la seconda aiuta invece il figlio a crescere dentro se stesso… a diventare indipendente, a trovare la sua verità, perché lei è arrivata a casa e non ha bisogno di realizzarsi attraverso quel figlio tanto voluto. Riflettiamo quindi insieme sul ruolo dei genitori oggi e non solo in occasione della Festa della Mamma, per essere dei fari d’Amore qualunque sia il nostro ruolo…

 

Maria Ianniciello

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Naturopata ad indirizzo psicosomatico. Aromaterapeuta. Diplomata in Naturopatia presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica. Lavora sia in gruppo che individualmente con consulenze naturopatiche e sedute di aromaterapia. Giornalista pubblicista. Scrive di benessere, aromaterapia, motivazione al femminile, LifeStyle. Ama la Cultura, in particolare il cinema. Lettrice vorace. Si è laureata in Lettere nel 2005 presso la Seconda Università di Roma con il massimo dei voti.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI