culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Diari

Festa delle Donne 2014, l’8 marzo un giorno per rinascere

mimoseDonne che sognano, che pensano… che crescono. Ma anche donne che subiscono, che piangono, che cercano la morte perché odiano loro stesse e il mondo, perché non trovano nella società e in famiglia modelli e punti di riferimento, perché vivono nel dolore causato da ricordi che fanno troppo male per essere lasciati andare. Donne che sono vittime del pregiudizio e della corruzione; donne che vendono il loro corpo per bisogno o per piacere. Eppure basterebbe così poco: una carezza o un gesto gentile verso se stesse per rinascere. Proprio oggi, 8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, il pensiero di Cultura & Culture va a quelle figure femminili che con coraggio hanno dato un contributo alla società; e quindi, anziché cercare dei modelli all’esterno, sono diventate loro stesse dei punti di riferimento per gli altri. Donne che hanno creduto di potercela fare, anche quando la realtà e i dati di fatto dimostravano il contrario. Queste persone hanno sostenuto la loro visione e con fiducia e amore hanno fatto di tutto per riprodurla nella realtà. Che cosa hanno queste creature in più di noi altre? Solo la fede, cioè quella capacità di credere all’impossibile nonostante altre persone ti spingano a fare il contrario, forse per paura. Come direttore di questa Testata ma soprattutto come donna, ritengo che ognuna di noi abbia il diritto e il dovere di vivere bene la propria vita, senza cercare per forza di cose l’approvazione altrui, in particolare quella del nostro compagno e in generale degli uomini. Catherine (Julianne Moore), la protagonista del film Chloe – Tra seduzione e inganno (2009), è accecata dalla gelosia e ingaggia una prostituta per mettere alla prova il marito. Catherine pensa che, mentre lei invecchia, il marito – che non la trova più attraente (almeno lei così crede) – diventa più affascinante e comincia a temere che lui la tradisca, senza avere però alcuna prova concreta. Il personaggio principale di questo lungometraggio cade nella trappola della scarsa autostima, la quale ci fa proiettare all’esterno le nostre insicurezze, rendendoci vulnerabili, fragili e bisognose di cure, quando invece la forza di reagire la troviamo, con un po’ di esercizio e tanta motivazione, solo in noi stesse, amandoci veramente. E quando c’è amore vero non c’è spazio per gelosie e insicurezze ma solo per la gioia e il benessere. Vi auguro, a nome di tutta la redazione, di trovare il coraggio di osare, credendo nel vostro infinito potenziale e rispettandovi sempre per fiorire proprio come una splendida mimosa…

Maria Ianniciello

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Leave a Reply

shares