culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Non solo film

Money Monster su Rai 3: trama e recensione del film

Money Monster andrà in onda su Rai 3, in prima serata. Trama e recensione del film.

Money Moster è l’ennesimo film sulla Finanza ma questa volta, a differenza di pellicole come “La grande scommessa”, si usano i toni dell’azione aumentando il ritmo con una vena di ironia che si manifesta nel personaggio principale: il conduttore Lee Gates, un uomo che usa la parola per spingere gli americani a investire in Borsa.

George Clooney è convincente in questo ruolo, come del resto lo è Julia Roberts nei panni di una talentuosa regista amica dello show man. I due attori sono stati sapientemente diretti da un’ottima Jodie Foster, che non delude, nonostante questa sia la sua prima esperienza alla regia.

money monster Rai 3

Money Monster è difatti una panoramica illuminante ed esaustiva sulla società americana, sempre più in balìa della Televisione che gestisce le tasche dei contribuenti.

Lo spettacolo ha inizio da subito e la finzione per antonomasia si fa ancor più finzione. La frase «noi non abbiamo fatto mai giornalismo» ci apre ad altri spunti sul mondo dell’informazione, oggi sempre più spettacolarizzata per la popolarità e quindi per i soldi.

Eppure il denaro, nonostante sia un pessimo padrone, gestisce ogni cosa. Gordon Gekko in Wall Street: Il denaro non dorme mai dice: «se stasera questo posto crollasse, il mondo resterebbe senza governo». L’impavido personaggio di Michael Douglas si riferisce alla Borsa.

Money Monster fa vedere l’altra faccia del denaro simboleggiata dall’uomo qualunque che non ci sta e che, dopo aver seguito i consigli di Lee Gates, investendo 60mila dollari, ha perso tutto ciò che aveva.

Pretty Woman

Jodie Foster rileva nel volto disperato e contratto del giovane camionista Kyle Budwell (Jack O’Connell) le conseguenze degli atti spregiudicati di uomini che abbiamo visto in altri film, come il già citato Gordon Gekko o anche Jordan Belfort di The Wolf of Wall Street, qui rappresentati dal cinico amministratore delegato dell’azienda quotata in Borsa.

La regista usa la nota formula del sequestro di persona (ricordate Captain Phillips – Attacco in mare aperto?) per descrivere una realtà sottaciuta però tutto ciò che va in onda in TV si impregna di sensazionalismo.

Di conseguenza vediamo che i telespettatori, dopo aver fatto il tifo per il sequestratore e aver assistito all’epilogo di una vicenda reale e drammatica, tornano incuranti alle loro faccende quotidiane (la macchina da presa si sofferma su un gruppo di ragazzi che in un bar giocano a calcetto) così come si fa quando termina una serie tv o un film appassionante.

Money Monster nel complesso non è una pellicola innovativa; c’è qualche difetto stilistico ed è un calderone in cui vengono mescolati generi diversi con il risultato che non si approfondisce alcun aspetto in particolare.

Tuttavia il film tiene il ritmo anche grazie alla performance dei tre attori principali (Clooney, Roberts e O’Connell) e ci convince. Di seguito alcune foto e il trailer.

Se ti è piaciuta la recensione segui Maria Ianniciello sul suo canale Youtube (Marica Movie and Books) e su Instagram @maricamovieandbooks.

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares