Per niente al mondo, il film di Ciro D’Emilio

Per niente al mondo: recensione

“La maggior parte degli uomini conduce una vita di cieca disperazione”, scrisse Henry David Thoreau. I disperati non sono per forza di cose i poveri, coloro che vivono ai margini della società, perché la disperazione può cogliere chiunque, indipendentemente dalla posizione economica, dal sesso, dall’etnia. E può capitare che un solo grande evento traumatico abbia un impatto tale da tradursi in immediata e cieca disperazione. Ed è ciò che accade al protagonista del film Per niente al mondo di Ciro D’Emilio.

Bernardo (Guido Caprino) vede crollare sotto ai suoi occhi tutto ciò che ha creato, perché finisce in carcere con l’accusa di un crimine che non ha commesso. Bernardo è uno chef che ambisce alla stella Michelin quando i carabinieri si presentano ingiustamente alla porta della sua abitazione senza dargli alcuna spiegazione.

Bernardo è uno sconfitto…

Il cielo è cupo in questa cittadina del profondo Nord Italia. I continui flashback e flashforward descrivono cosa è accaduto e cosa accadrà al protagonista. Bernardo, che ha anche una figlia, incontra in cella un detenuto, con cui fa amicizia e che lo aiuta a non soccombere. Quando esce dal carcere cerca poi i suoi amici, con i quali sembra impossibilitato a ricreare i vecchi legami, proprio perché la macchia della detenzione pesa su di lui come un macigno. Tenta, nonostante le immani difficoltà, di riprendersi ciò che ha perso. Il personaggio principale di questo lungometraggio però non è un eroe, è uno sconfitto che cade in quella cieca disperazione di cui ha scritto Thoreau.

Per niente al mondo è una tragedia in chiave moderna; è un film annichilente e potente allo stesso tempo perché alza i riflettori sulle possibili conseguenze della malagiustizia. La pellicola ci fa riflettere inoltre sulla solitudine del singolo, sulla rabbia che nasce dal desiderio di rivalsa e sull’impossibilità di bastare a se stessi. Perché ciò che davvero conta per la società non è la vita in sé ma ciò che si possiede e ciò che si realizza, soprattutto se, come Bernardo, si è venuti dal nulla.

Gli ostacoli e l’incapacità di rifiorire

Questo film racconta ciò che potrebbe accadere quando l’immagine esterna, costruita con tanta fatica, decade tra disincanto e mancanza di coraggio, inteso come capacità di aprire il cuore e trasformare anche le più tragiche cadute in un’occasione per rifiorire senza dover per forza stare sugli stessi sentieri.

E sarà la sequenza del porcospino a trasformare la cieca disperazione in follia. La morte del riccio, che incarna il valore della fede e della fiducia nelle infinite possibilità che gli ostacoli riescono a creare, è qui emblematica. Insomma, Per niente al mondo non è certo una pellicola rassicurante né ottimistica, è altresì un film che apre a più spunti di riflessione sulla giustizia italiana, sull’individuo e sul libero arbitrio, col suo finale a sorpresa. Maria Ianniciello

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Lascia un commento