Diari

Le donne e la sindrome della crocerossina

candy candyNoi donne siamo state programmate per far programmi. E scusate il gioco di parole. Pensiamo di essere come una macchina o meglio come un robot che è programmato per migliorare le giornate altrui.

Uso la parola “programma” più volte proprio perché non esistono sinonimi adatti per definire la nostra abitudine al servizio, una peculiarità femminile. Una sorta di sindrome della crocerossina! Siamo abituate a prestar soccorso (anche quando non ci è stato richiesto) e non ci accorgiamo che questa necessità spesso non nasce da un bisogno interiore, spontaneo e personale, cioè amiamo noi stesse tanto da donarci agli altri.

Al contrario “la sindrome della crocerossina” è il risultato di un modello comportamentale insano, tramandato quasi geneticamente che diventa con il tempo un’imposizione, un dovere, una forma di violenza psicologica che facciamo a noi stesse quotidianamente, magari privandoci del tempo libero e di tutte quelle attività che potrebbero migliore la nostra vita, da intendere non come una lotta per la sopravvivenza ma come un meraviglioso viaggio all’insegna della scoperta. Vivere vuol dire acuire i nostri sensi, per vedere e sentire veramente. Vivere vuol dire realizzare la nostra vera natura secondo le predisposizioni di ciascuno.

Vivere è un’esperienza di crescita e non dobbiamo per forza lanciarci da un aereo con il paracadute per sentirci bene. Può donarci sensazioni sopite o mai provate anche una passeggiata lungo un sentiero o in riva al mare mentre le onde spumeggianti ci bagnano i piedi e il sole ci riscalda. Per riscoprire l’essenza stessa della vita, non c’è bisogno di stilare programmi (gratificanti forse più per gli altri che per noi stessi) in un’agenda consumata dal tempo e dalle nostre mani nervose che cercano di trascrivere pensieri disordinati e dubbiosi. Abbiamo tutto il diritto di lasciarci andare, seguendo la nostra voce interiore che sa sempre cosa fare e qual è la strada da seguire. Arianna Huffington in un articolo pubblicato nella sua rubrica su D di Repubblica consiglia ai giovani di tenere la mente sgombra dalle ossessioni degli adulti, soprattutto per quanto concerne l’agenda degli impegni. Questo suggerimento lo estendo alle donne di tutte le età: liberate la mente dai modelli comportamentali che ci sono stati tramandati, cooperando con la vostra guida interiore in modo da essere meno crocerossine e anche più flessibili di fronte agli imprevisti, perché l’inflessibilità e la rigidità mentale sono alla base delle principali nevrosi.

Maria Ianniciello

close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Commenta