Diari,  Il terrone che non ci sta

Il riscatto del Mezzogiorno

@Sergiogen - Fotolia.com
@Sergiogen – Fotolia.com

Il Meridione ancora ripetitivo: ripresa che non c’è e sviluppo di là da venire, ripresa e sviluppo che evidentemente non si vuole soprattutto da chi è tutto impegnato a curare il proprio orticello e da chi deve garantire sbocco sicuro alle proprie merci, che per essere prodotte devono anche poter contare sul conveniente mercato del lavoro meridionale.

Europa non è realtà politica ma associazione di interessi, detta appunto Unione Europea e non Europa, ed Italia è insieme di regioni, spesso con voglia di autonomia, e non nazione: particolarismi potrebbero ridurre l’Italia a Meridione di Europa ed il Sud alla buona sorte, in balia del denaro, per cui si è disposti a cambiare religione, politica e nazionalità: già tanto se solidarietà è parola conosciuta in un mondo in cui cinismo ed ipocrisia la fanno da padroni e non mancano beneficenza e volontariato, che nobilitano potenza ed opulenza.

Il Meridione vive la condizione sgradevole creata dalla storia e perpetuata da fattori ambientali, che gli tengono sempre aperta la porta dell’emigrazione.

I Media quotidianamente prestano attenzione ai fenomeni, soffermandosi però soprattutto sui risultati, che sono solitamente poco incoraggianti ed anche poco edificanti: ampio spazio dedicato agli effetti e quasi nessuno alle cause o, forse sarebbe meglio dire, agli autori.

C’è ancora chi cerca apostoli e benefattori tra potenti, che invece lasciano leggere cose per niente entusiasmanti: non si applica “aiutati che Iddio ti aiuta”. Semplice operazione pedagogica e culturale darebbe risultati mai visti: aprire occhi e vie, per vedere, capire ed intraprendere, ai Meridionali, i quali non sognerebbero più il cambiamento, che, pur con l’afflusso di danaro per terremoti, opere pubbliche ed opere assistenziali, si è solo propagandato e mai realizzato.

I popoli vivono secondo quello in cui credono e quello che sanno: i Meridionali intraprendano coralmente la redenzione, ch’altri nega e la natura dia loro il resto, il più di coraggio, intelligenza ed ambiente, ossia conoscenza e voglia di libertà da padroni esterni ed interni e soprattutto dall’ assistenzialismo, che offende intelligenza e capacità di chi sa e può provvedere autonomamente alle proprie necessità.

Nunziante Minichiello

 

close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Nunziante Minichiello

"Distribuisco cultura, quella che mi ritrovo, e cose che servono. La cultura è gratis; le cose che servono costano, ma a volte costano meno che altrove. Nei miei voti è la buona fortuna di tutti quanti". Questo è il motto di Nunziante Minichiello che su Cultura e Culture firma la rubrica "Il Terrone che non ci sta", riflessioni sul Mezzogiorno e sull'Italia, in generale, gli editoriali e alcuni articoli di attualità.

Commenta