culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Senza categoria

Sandra Bullock, la carriera dell’attrice più pagata di Hollywood

Sandra Bullock, Make Up Anni 50
Sandra Bullock

Cinquanta anni di glamour, di bellezza e di discrezione. Cinquanta anni di talento ma anche di perseveranza. Sandra Bullock, l’attrice più pagata di Hollywood (lo dice la rivista Forbes), si è certamente meritata il tanto agognato successo, anche economico, una diretta conseguenza di una carriera stellare frutto certamente di sacrifici e tanto studio all’East Carolina University, dopo un’infanzia trascorsa sui palcoscenici, prima grazie alla danza e poi con il canto, seguendo le orme della madre, Helga. Lo studio, quindi, abbinato alla gavetta, perché non si diventa grandi attori, e magari anche molto pagati, così all’improvviso solo per un colpo di fortuna, ma con determinazione e un talento che abbiamo potuto apprezzare, oltre che in tanti film comici e romantici, ancor di più in “Gravity”, presentato nel 2013 alla Mostra del Cinema di Venezia e diretto da Alfonso Cuarón. La Bullock con il ruolo di Ryan Stone si è guadagnata la nomination all’Oscar come migliore attrice protagonista.

Per quella parte, Sandra ha dovuto superare diverse prove, come per esempio affrontare la claustrofobia: «Ho cercato di utilizzare un attacco di panico per recitare al meglio», ha raccontato al quotidiano La Repubblica. La Sandra di Arlington però non eccelle solo in ruoli drammatici. L’attrice ha in realtà una straordinaria vena comica. Donna seducente e in carriera o giornalista ubriacona in pellicole quali “28 giorni” e “Ricatto d’amore” con Ryan Reynolds, la Bullock, dopo essere stata madre sul set, lo è diventata anche nella vita reale, adottando un bambino.

Indimenticabile nei film “Premonition” e “La casa sul lago del tempo”, l’attrice si è fatta conoscere al grande pubblico con “Un amore tutto suo” e “Speed”, lungometraggi degli anni Novanta che l’hanno consacrata a diva, ma l’Oscar come migliore attrice protagonista è arrivato nel 2010 con “The Blind Side”; tanti altri sono stati i riconoscimenti per una carriera certamente a cinque stelle che abbraccia, oltre che la recitazione, anche altri ambiti della cinematografia. Produttrice, sceneggiatrice e regista, Sandra ha doppiato Scarlett Overkill in “Minions”. Insomma, complimenti a Sandra Bullock anche per i 51milioni di dollari guadagnati tra il 2013 e il 2014, per noi più che meritati!

Maria Ianniciello

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares