culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Di tutto un po'

COSTO DELLA VITA: 384 IN PIÙ A FAMIGLIA

© Gina Sanders – Fotolia.com

Costano caro alle famiglie le misure del governo Monti: tra l’Imu della manovra finanziaria, gli aumenti IVA della Legge di Stabilità e i rincari sui servizi, gli italiani si troveranno a pagare 234 annui in più per le spese di acqua, rifiuti, luce, gas e trasporti pubblici e dai 25 ai 159 euro per la tassa sulla casa. I dati sono stati rilevato dal Codacons, che spiega: «È in arrivo la stangata per il saldo di dicembre dell’Imu. I rialzi delle aliquote decisi dai Comuni produrranno, rispetto alla prima rata in acconto, un aumento medio del saldo pari a 25 euro per la prima casa (si considera il pagamento in due rate) e 159 euro per la seconda».

L’associazione ricorda che mentre l’acconto era calcolato con le aliquote base (4 per mille per la prima casa e 7,6 per mille per la seconda), il conguaglio sarà effettuato rispetto alle aliquote deliberate dai singoli comuni che possono aumentarle o diminuirle del 2 per mille sulla prima casa e del 3 sulle seconde.

«Mentre per la prima casa – prosegue il Codacons – l’aliquota deliberata solitamente non si discosta molto da quella base e la maggioranza dei comuni non l’ha ritoccata (il rialzo più frequente è al 5 per mille), per la seconda casa l’aumento è quasi generalizzato e chi l’ha alzata nella maggioranza dei casi lo ha fatto almeno del due per mille».

Ma non è soltanto l’Imu a preoccupare l’associazione dei consumatori, che prevede un aumento consistente anche per l’acquisto dei servizi, che andranno a pesare sul bilancio delle famiglie. «Rincari in arrivo anche per le tariffe di acqua, rifiuti, luce, gas e trasporti pubblici che – denuncia il Codacons – determineranno, per una famiglia media, una stangata pari a 234 euro su base annua: 23 per i rifiuti, 16 per l’acqua, 60 per l’elettricità, 123 per il gas e 12 per il trasporto pubblico locale. Si tratta di spese obbligate che incideranno pesantemente anche sulle famiglie già in difficoltà».

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Lascia un commento

shares