culturaeculture non ha pubblicità da maggio 2020. Contiamo sull'aiuto dei nostri lettori, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Dona ora!

Di tutto un po'

CONFRONTO PRIMARIE, TUTTI D’AMORE E D’ACCORDO

Fair play e poche battute efficaci tra i candidati alle primarie del Partito Democratico che questa sera si sono confrontati negli studi di SkyTg24. Bruno Tabacci, Matteo Renzi, Pierluigi Bersani, Laura Puppato e Nichi Vendola hanno risposto alle domande del moderatore Gianluca Semprini, discutendo soprattutto di Fisco, Imu,  dei costi della politica, dell’occupazione, principalmente giovanile, della riforma Fornero e della parità di diritti civili. Infine i candidati hanno risposto ai quesiti di alcuni giovani presenti e hanno lanciato il loro appello agli elettori. Tutti, a loro dire, con un unico obiettivo: «rendere l’Italia un Paese migliore e funzionale». Si è accennato anche al taglio delle province, su cui i cinque candidati hanno dichiarato di essere contrari, perché, hanno affermato, «si tratta di un mezzo provvedimento che non abbatte i costi ma crea solo ulteriori problemi».

Si è anche parlato di una possibile coalizione con Pier Ferdinando Casini, su cui però non si hanno ancora le idee ben chiare. E non è mancata la domanda su Fiat e Marchionne, il quale a dire dei candidati «deve comunque render conto al Paese che ha sempre sostenuto l’azienda». Insomma, non ci sono state grandi contrapposizioni. L’unico attrito si è creato tra Renzi e Tabacci, a causa di una dichiarazione del sindaco di Firenze sulla possibilità di fare un Governo con dieci ministri, cinque uomini e cinque donne. Tabacci ha replicato sull’impossibilità di una simile scelta, in quanto, a suo avviso, «servono diciotto ministri e trentacinque sottosegretari».

Più agguerriti dei loro avversari sono apparsi Matteo Renzi, che secondo gli esperti sembra aver vinto il confronto, e Nichi Vendola. Molto ingessato invece Gianluigi Bersani. Questo evento è stato una novità assoluta per l’Italia, anche per la presenza del fact checking, un servizio ideato per verificare l’esattezza delle cifre e la veridicità di alcune affermazioni dei candidati.

Carla Cesinali

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha pubblicità da maggio 2020. Contiamo sull'aiuto dei nostri lettori, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Dona ora!

Carla Cesinali

Carla Cesinali su Cultura & Culture si occupa di politica, di spettacoli, di arte.

Lascia un commento

shares