Diari

Le donne e l’indipendenza economica: un investimento per la vita

@Fotolia
@Fotolia

Ho scritto nel precedente articolo de “Il resto di niente” di amore incondizionato, un sentimento che dobbiamo prima di tutto provare per noi stesse. E oggi affrontiamo un altro argomento che ritengo sia importante per la crescita di ciascuna di noi: l’indipendenza economica. Parto da una storia, raccontatami qualche giorno fa da una mia amica.

Giuseppina era una ragazza semplice, del Sud Italia. Per tutta l’adolescenza, aveva sognato il principe azzurro che l’avrebbe sottratta a una vita di sofferenze. Suo padre era un tipo violento e sua madre subiva i capricci dell’uomo che aveva sposato più per necessità che per amore. Il principe azzurro un giorno arrivò non su un cavallo bianco, bensì su una motocicletta, e lei se ne innamorò perdutamente. Giuseppina aveva conseguito la terza media, non aveva un hobby, né una passione. L’unico suo desiderio era quello di sposarsi e di avere dei figli dall’uomo che credeva di amare. Voleva una famiglia, che c’era di male in questo? Le sue amiche avevano studiato, adesso lavoravano e avevano dei figli. Le guardava con ammirazione e anche, a volte, con un certo rammarico. Il suo sogno comunque si realizzò, ma quel principe azzurro aveva tutte le caratteristiche di suo padre, era un tipo violento e volubile. Giuseppina voleva lasciarlo ma non aveva un lavoro e non sapeva dove andare. Ritornare dai suoi genitori era improponibile, tuttavia decise di rimboccarsi le maniche, e nonostante le continue umiliazioni subite ebbe la forza di trovare un lavoro e di ricominciare da zero. Lasciò il suo finto principe azzurro e ricominciò a studiare.

La storia che vi ho raccontato accomuna molte donne. Io ritengo che, a prescindere dall’uomo che ci siamo scelte, ognuna di noi dovrebbe investire sul proprio futuro, cominciando dall’istruzione, unica garanzia d’indipendenza. Le statistiche dimostrano purtroppo che a subire violenze sono soprattutto le donne con un basso livello di scolarizzazione e senza un lavoro. Anime indifese che non sanno dove andare. Louise Hay nel libro “Il potere delle donne” dedica un intero capitolo ai soldi, nel quale spiega come costruire un futuro economico sicuro. «(…) Ogni donna deve essere economicamente indipendente ma raramente riceviamo gli insegnamenti adeguati sul denaro, a casa e a scuola (…)», afferma Louise Hay. E questo perché siamo state educate a dipendere dagli uomini, quasi programmate!

Rivalutare il rapporto con i soldi è di vitale importanza non solo per le donne che lavorano fuori casa ma anche per le casalinghe. L’autrice de “Il potere delle donne” scrive: «(…) Anche se sei felicemente sposata, se ami fare la casalinga e così via, hai bisogno di imparare a gestire i soldi. Cosa succederebbe se tuo marito morisse o chiedesse il divorzio e tu ti ritrovassi a dover crescere i tuoi figli da sola? (…)». Una bella domanda sulla quale vi invito a riflettere. Nel prossimo articolo cercheremo di capire insieme come accumulare e gestire una piccola somma di denaro.

Maria Ianniciello

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube (Marica Movie and Books). Curo la rubrica Bimbi al cinema sul blog Ricomincio da quattro di Adriana Fusè.

Lascia un commento

shares