Libri: recensioni & interviste

Manuale per ragazze rivoluzionarie, il libro di Giulia Blasi

Tra i libri femministi, usciti da poco, c’è sicuramente Manuale per ragazze rivoluzionarie (Rizzoli) di Giulia Blasi. Ma attenzione il volume non è solo un libro per femministe dichiarate. Intendiamoci: ognuna di noi dovrebbe essere femminista perché la parità è ancora una meteora. Pensate che, secondo il Forum Economico Mondiale, di questo passo il divario di genere, legato alla partecipazione economica e alle pari opportunità, non sarà raggiunto prima di altri 217 anni. Eppure cambiare passo si può. E dobbiamo essere unite ed affrettarci.

Manuale per ragazze rivoluzionarie: recensione

Giulia Blasi nel suo libro suggerisce come sfatare i tabù e come superare gli stereotipi di genere ma soprattutto ci spiega perché bisogna invertire la rotta (ecco perché Manuale per ragazze rivoluzionarie non è un libro solo per femministe dichiarate). L’autrice affronta diversi temi nei vari capitoli. Nella prima parte del libro in particolare Blasi scrive del patriarcato che – dice – è vivo ed è tenuto in piedi dagli uomini quanto dalle donne.

Il patriarcato, secondo Giulia Blasi, si evince nel culto smodato della bellezza, attraverso il quale siamo viste come meri oggetti sessuali, anziché come menti pensati e corpi liberi di esprimere in maniera consenziente la propria sessualità. Si evince, per esempio, nelle parole sessiste e nella difficoltà di declinare al femminile i nomi comuni che indicano cariche prestigiose.

Manuale per ragazze rivoluzionarie

Manuale per ragazze rivoluzionarie è un grande calderone e forse è anche questo un po’ il suo limite tuttavia fornisce indicazioni utili per intraprendere la via del femminismo e formare dei gruppi anche in rete.

Ed è proprio nella seconda parte che Giulia Blasi spiega come avviarsi su questa strada, dopo aver illustrato tutti i limiti e le innumerevoli disuguaglianze che crea il patriarcato ponendo una spada di Damocle anche sui maschi che non potranno esprimere la propria sensibilità.

Ma se questa forma pensiero nuoce anche ai bambini, è sulle bambine che esercita la sua influenza in modo più aberrante tarpando loro le ali e costringendole a vivere sempre a metà. In questo modo le bambine nel diventare donne non si sentiranno mai padrone di creare un percorso personale ed autentico.

Trovi il libro di Giulia Blasi qui

Insomma, il libro di Giulia Blasi è una miniera di consigli e di informazioni. Complice la lunga esperienza di femminista, cominciata all’età di sedici anni, l’autrice spazia molto mostrandosi padrona della materia trattata. Da leggere e applicare. (Maria Ianniciello)

close

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Commenta

shares