Libri: recensioni & interviste

Le essenze in cucina, ecco le ricette della chef-farmacista

Essenzialmente la mia cucina_Sovra.inddSugli scaffali delle librerie ce n’è per tutti i gusti, soprattutto quando si cerca un libro di cucina. Ci sono volumi sulla dieta vegetariana e vegana, sugli antipasti o suoi primi, sui secondi o sui dolci. Ci sono anche testi che ci insegnano come apparecchiare la tavola e altri sulle buone maniere da adottare durante i pasti, dall’uso delle posate all’abbigliamento appropriato per ogni situazione, eppure nonostante questa mole di manuali, editi dalle varie case editrici italiane, il libro di cui stiamo per scrivere non passa certo inosservato perché tratta un argomento nuovo: l’uso delle essenze nella preparazione delle vivande. La raccolta di ricette in questione si intitola “Essenzialmente la mia cucina. Fiori, essenze, erbe, aromi: le ricette di una farmacista gourmet”, edito da Ponte alle Grazie. L’autrice si chiama Milly Callegari, una farmacista specializzata in Omeopatia, Fitoterapia e Aromaterapia. La Callegari è anche una efficiente gourmet e ha creato una linea di profumi ed essenze. Nel libro della chef-farmacista, come ama defininirsi la stessa autrice, attraverso una serie di gustose preparazioni si riscopre la magia delle sensazioni olfattive, acuite dagli oli essenziali utilizzati nelle pietanze. Mangiare non è solo un bisogno fiosologico, bensì è una vera e propria esperienza sensoriale che fa bene al corpo e alla mente. In questo volume Milly Callegari ci insegna a usare le essenze e addirittura a estrarle da qualsiasi cosa, anche dalle spezie, per creare sciroppi, succhi di frutta e tante altre preparazioni che ci dononano quel benessere di cui abbiamo tanto bisogno. «Un profumo o un’essenza – spiega la farmacista – risveglia emozioni e stati d’animo sopiti, perché allora non utilizzarli anche nella cucina?», si chiede.

La presentazione – Il libro sarà  presentato a Milano, presso la libreria Mondadori di piazza Duomo, il 25 febbraio alle 18.30. Con Milly Callegari anche Allan Bay, il giornalista enogastronomico che scrive di ristoranti milanesi sul “Corriere della Sera”. 

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione.

Lascia un commento

shares