Libri: recensioni & interviste

Archeologia dei sentimenti

©Pina Arfè - Il dolore
©Pina Arfè – Il dolore

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

La cartella dei propri genitori, ben visibile sul desktop, oggi piena di fotografie, scomparirà domani nel mondo di Google. In esso, l’immagine sostituisce la realtà. Chi appartiene a questo statuto conosce sia la morte che la vita eterna: nel mezzo, le immagini scompaiono, ma riappaiono a un nuovo contatto. Questo gioco del “c’è e non c’è” finisce col contagiare anche il mondo affettivo. E’ l’immagine infatti, non la realtà, che riaccende affetti ed emozioni. L’allenamento fa sì che la realtà mentale e quella virtuale si identifichino e si scambino i ruoli. La realtà perde realtà. Tutto appare vero e sempre presente. Eterno, vero, ma irreale. Viene anestetizzata la paura dell’assenza e quella della morte. Pionieri nelle dimensioni atemporali dell’immagine, i figli dei Sessantottini sono diventati figli di Google. E’ a quell’epoca, gli Anni Settanta, che risalgono i miei dipinti che accompagnano questa scrittura. Insieme all’autonomia e alla realizzazione sociale, questi figli hanno respirato la progressiva de realizzazione dei loro padri. Pertanto, hanno conseguito l’abilitazione all’abbandono, affidando i loro vecchi al silenzio e alla paura. I loro discendenti, a loro volta – gli adolescenti del presente – eredi di irrealtà, felici si ubriacano la notte, per poi morire sulle strade. Alla ricerca di allucinazioni condivise, c’è chi ama troppo presto e chi uccide i genitori. Tanto, niente è vero! I Sessantottini invece, muti prima con i padri e dopo con i figli, furono scaraventati nella vita allorché si spalancarono i sipari della liberazione e della creatività.

©Pina Arfè - La nascita
©Pina Arfè – La nascita

Ma furono proprio loro, geniali artisti della cancellazione, a educare i loro figli a cancellare i vecchi affetti. Sono loro, oggi, i super abbandonati, che continuano a tacere, convinti di meritare l’abbandono. Nostalgia della famiglia patriarcale? Non so. Non la conosco. Ma ne ho sentito parlare. Accuditi da possibilismi affettivi, affidati a mezzi super-raffinati, i vecchi padri implorano presenza e contatto.Tacendo. I non-figli dei Sessantottini amano così i non-padri della liberazione. Con chi dialogare? Forse con la storia? Una maglia nel DNA affettivo è saltata, ma abitiamo affascinati i non-luoghi di Skype. Noi, genitori elettronici, abbiamo perso l’esistenza morale per entrare nell’esistenza estetica: simulacri, appunto, presenza di un’assenza, ma… poveri i nostri figli, confidanti nel nulla, costretti a piangere, prima della fine, i nostri addii.

@Pina Arfè - Il padre e la madre
@Pina Arfè – Il padre e la madre

 

Pina Arfè

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Pina Arfè napoletana, vive a Benevento. Congiunge l’impegno di artista (pittura, fotografia, video) a riflessioni teoriche su questioni di estetica e di psicoanalisi. Ha pubblicato vari libri, tra cui La casa del vento (Napoli, Guida Editore) e L’attimo che avviene e che diviene (Firenze, Maremmi Editore). Il suo lavoro sul rapporto tra arte e pensiero privilegia attualmente anche l’espressione poetica e la forma narrativa.

Commenta