Opinioni

LE ELEZIONI 2013 E LA “REGOLA” DEL MENO PEGGIO

©fusolino - Fotolia.com
©fusolino – Fotolia.com

«Parleranno più di questo che di quello che posso fare per il resto della mia vita». Risponde così l’onorevole Stephen Collins all’amico giornalista Cal McAffrey che lo esorta a raccontare tutta la verità. Nient’altro che la verità. Questa scena è tratta dal film State of play, uscito nelle sale cinematografiche italiane nel 2009, una vera e propria pellicola sul giornalismo d’inchiesta, ormai quasi deceduto non solo perché troppo costoso ma anche perché la categoria che rappresento si è impigrita e anziché rovinare le suole delle scarpe, come suggeriva Enzo Biagi, si accontenta di notizie flash di agenzia e comunicati stampa sbrigativi che spesso non arrivano neanche nelle caselle di posta perché qualcuno ha deciso di allestire  delle aree stampa sui vari portali istituzionali e non. Forse per non dare spiegazioni, per non dover rispondere a domande fastidiose. Non so. Resta il fatto che questa è la verità! La dura verità, tanto per restare in campo cinematografico. Ho sempre molto apprezzato il giornalismo anglosassone per una serie di motivi, uno su tutti per la divisione netta fra cronaca e commento sia nella grafica sia nei contenuti. In un articolo di cronaca – e per cronaca intendo anche le notizie culturali, sociali, politiche, insomma i fatti, solo i fatti nudi e crudi – non si può e non si deve esprimere il proprio parere. Nei resoconti politici è  vietato perché altrimenti si tratta di pura propaganda! Se fosse qui, la Fallaci – che ho apprezzato per il suo stile e per il suo amore per la verità – non sarebbe certamente d’accordo con me. Per lei, la politica andava vissuta anche nel giornalismo. Io invece credo, senza togliere nulla a una grande giornalista da cui ho tutto da imparare vista la mia giovane età, che in Italia si stia degenerando perché tutti siamo bravi a esprimere la nostra opinione magari anche condizionata dai media ma pochi sanno cercare la verità con raziocinio guardando alle cose da diverse angolazioni con il desiderio di capire senza pregiudizi, senza paradigmi inculcati dai nostri genitori, dai nostri insegnanti, dal contesto in cui viviamo.

A tal proposito ho sentito dire da molte persone (e questo è un vero paradigma): «Io voterò per il meno peggio». Ma perché accontentarsi del meno peggio? Perché non chiedere il meglio nel giornalismo, nella politica, nella scuola… nella sanità? Perché accontentarsi di quello che ci offrono, anziché chiedere a gran voce il tanto agognato miglioramento? Forse perché tutto ciò richiede un grande atto di coraggio e responsabilità. Nel momento in cui chiediamo che vengano tutelati i nostri diritti dobbiamo anche essere pronti a espletare i nostri doveri, senza se e senza ma!

Maria Ianniciello

Il nostro voto
Vota anche tu il film (se lo hai visto)
[Total: 0 Average: 0]
close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Commenta