culturaeculture non ha pubblicità da maggio 2020. Contiamo sull'aiuto dei nostri lettori, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Dona ora!

Opinioni

Arrivano i blog su Cultura & Culture

©designsoliman - Fotolia.com
©designsoliman – Fotolia.com

Ogni progetto, prima di essere realizzato, va sognato. Immaginato. Gli adulti insegnano al bambino, a tutti i livelli, in famiglia come nella scuola, a non sognare a occhi aperti, facendo perdere gradualmente alla persona (un bambino è una persona) la peculiarità che più di tutte la renderà uomo tra gli uomini: la Fantasia, un dono prezioso che però, come ogni dono, va esercitato. Grazie alla Fantasia, l’uomo è uscito dalle caverne e ha costruito case. Il computer o il dispositivo mobile che vi sta consentendo di leggere questo articolo non sarebbe stato mai prodotto senza la Fantasia. Perché le Cose prima di concretizzarsi sono solo delle Idee. Preziose, ma pur sempre delle idee che senza l’azione non potrebbero mai materializzarsi. In questo anno e mezzo di vita, Cultura & Culture, nato da un sogno, ha fatto tanta strada diventando una piccola community che si sta ingrandendo di mese in mese. Il nostro giornale online è il frutto di un’Idea, arrivata in una notte d’estate del 2008,  ma concretizzatasi solo nell’aprile del 2012. Da allora la direzione editoriale ha incontrato molte persone, che hanno dato un contributo fattivo in termini di contenuti al nostro prodotto, e ha anche imparato dai propri errori senza dimenticare la sua Mission.  Il nostro progetto ruota infatti intorno alla parola “miglioramento” e da essa si fa ispirare quotidianamente. Altro termine che ci guida è “innovazione”. Ed è proprio per innovarci e migliorarci che da oggi sulla home page vedrete la parola Blog, la quale sostituisce il termine Rubriche, più desueto sul web. Abbiamo dunque voluto aprire il nostro giornale ai blogger che gestiranno, proprio come facevano i titolari di rubriche, i loro spazi. Naturalmente l’informazione quotidiana sarà, come sempre, curata e prodotta solo da giornalisti professionisti e pubblicisti.

Ma come si apre un blog su Cultura & Culture? Semplice, basta inviare richiesta a direttore@culturaeculture.it. Vi aspettiamo numerosi.

Maria Ianniciello

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha pubblicità da maggio 2020. Contiamo sull'aiuto dei nostri lettori, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Dona ora!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares