The Christmas Show e la magia del Natale

The Christmas Show è il titolo di una commedia italiana che è uscita al cinema il 17 novembre 2022. Diretto da Alberto Ferrari, il film è prodotto da Viva Production, con Altre Storie e Adler Enterteinment. La sceneggiatura è di Alberto Ferrari, Alessandra Piccinni, Michele Belsanti e Cristiano Malagrino.

Recensione di The Christmas Show e trama

La prima edizione de Il Grande Fratello fu un successo sicuramente per la novità e forse per il desiderio nascosto, che credo ci accomuni un po’ tutti, di spiare nelle case altrui, per carpirne i segreti più reconditi. Come facevo da bambina quando amavo osservare ogni particolare dei presepi napoletani. Soprattutto mi piacevano le finestre illuminate e le porticine dalle quali era possibile scorgere pezzi di vita di antichi mestieri. Il calzolaio non mancava mai, così come il fornaio, il fabbro e la lavandaia. E poi c’erano gli oggetti di arredo, la mobilia e in un angolo c’era la Sacra Famiglia con il bue, l’asinello e i pastori. La cercavi perché sapevi che era l’essenza del presepe e del Natale.

Ecco, il film The Christmas Show mi ha fatto ricordare le finestre illuminate di quei presepi che guardavo a lungo da bambina; peccato che nella pellicola oggetto di questa recensione non ho sentito quella magia! Complice sicuramente il consumismo su cui Ferrari ironizza molto e la tendenza a spogliare questa ricorrenza del suo significato più autentico e quindi dei suoi simboli originali, anche religiosi.

Ad ogni modo il regista Alberto Ferrari è partito con un’idea originale e, avvalendosi della voce fuori campo del noto doppiatore Carlo Valli (è stato la voce italiana di Robin Williams) ha cercato di creare l’atmosfera natalizia trattando tematiche importanti, quali l’elaborazione del lutto, che però state poste troppo sullo sfondo.

La locandina del film The Christmas Show. Qui la trama

Trama

La trama di The Christmas Show è piuttosto semplice. Sofia (Serena Autieri) è un medico chirurgo nonché madre di Alice (Alice Andrea Ferrari) e Ricky (Giulio Nunziante Cesaro). Il marito è morto qualche anno prima. Con il mutuo da pagare e varie scadenze, Sofia cerca di sbarcare il lunare con il suo umile stipendio che non è equiparato né ai titoli che possiede né alle mansioni che svolge presso l’ospedale dove lavora, il cui primario si chiama Oscar (Francesco Pannofino) ed è un suo pretendente.

Nella casa accanto alla sua abita uno scrittore (Raoul Bova) che, a causa di una cocente delusione, vive recluso da ben cinque anni. Alice – che ha una voce da usignolo e pubblica video delle sue canzoni su YouTube – decide di far partecipare la sua famiglia al reality The Christmas Show, invitando la nonna materna (Ornella Muti), il nonno paterno (Tullio Solenghi), il primario e l’aitante scrittore. La loro abitazione si trasformerà per qualche giorno in una sorta di casa de Il grande fratello, tra gag e colpi di scena.

Un film leggero

Alberto Ferrari si prende gioco della società contemporanea, tra selfie e followers, tra indici di ascolto e momenti di romanticismo. E non mancano i malintesi che sono l’asse portante della Commedia Italiana. Ne viene fuori un film leggero, sentimentale e senza grosse pretese, indicato soprattutto per le famiglie.  

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Lascia un commento